Avignone, attacco all’arma bianca/ Tenta di accoltellare passanti, ucciso da polizia

- Davide Giancristofaro Alberti

Ad Avignone un uomo è stato ucciso dopo che ha tentato di accoltellare i passanti al grido di “Allah Akbar”: attacchi multipli in corso in Francia

Militari Parigi
Chiese chiuse per Covid-19 a Parigi: Basilica Sacre Coeur (LaPresse, 2020)

E’ in corso un attacco multiplo in Francia. Oltre a Nizza, dove nella cattedrale sono state uccise tre persone (si parla anche di una donna decapitata in attesa di conferme), anche ad Avignone (città della Provenza sulle rive del Rodano) un uomo avrebbe tentato di aggredire i passanti per strada con un coltello. L’episodio, stando a quanto riferisco i media transalpini, sarebbe avvenuto attorno alle ore 11:15 di stamane e pare che, così come a Nizza, anche in questo caso l’aggressore avrebbe attaccato le persone al grido di “Allah Akbar”. Fortunatamente la polizia è riuscita ad intervenire in maniera tempestiva neutralizzando l’aggressore dopo aver aperto il fuoco. L’attacco è avvenuto due ore dopo quello alla basilica di Notre-Dame in Nizza, dove, come detto sopra, sono state purtroppo uccise tre persone. Ad Avignone, precisamente in località Montfavet, si sarebbe recato il pubblico ministero, Philippe Guemas, e nel contempo è stata aperta un’indagine per cercare di meglio comprendere quanto accaduto.

AVIGNONE, UCCISO TERRORISTA, A JEDDAH ALTRO ATTACCO AI FRANCESI

Da segnalare anche un altro attacco ai danni della Francia, questa volta in Arabia Saudita, precisamente in quel di Jeddah, dove un uomo è stato arrestato dopo aver accoltellato una guarda del consulto francese. L’attentato di Avignone va ad iscriversi nel clima di tensione che si è creato negli ultimi giorni nei confronti della Francia, a seguito delle vignette pubblicate dalla rivista satirica Charle Hebdo, riguardanti Maometto (quelle del famoso attentato di pochi anni fa), e anche il presidente della Turchia, Erdogan. Proprio quest’ultimo ha condannato apertamente e pubblicamente i francesi, sottolineando come gli stessi agiscano nei confronti delle minoranze musulmane così come fecero i nazisti con gli ebrei. Parole che hanno trovato la disapprovazione della maggior parte del mondo occidentale, a cominciare dalla Cancelliera Angela Merkel, arrivando fino al primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu. Sono attesi aggiornamenti nel corso della giornata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA