BAIA DEI TURCHI, MUORE COPPIA DI AMICI/ Annegati in mare, inutili i soccorsi

- Dario D'Angelo

Baia dei Turchi, muore coppia di amici di Cerignola. I due sono annegati in un tratto di mare pericoloso per le forti correnti: inutili i soccorsi.

vacanza
Mare - Lapresse

Una coppia di amici di Cerignola (Foggia) è stata trovata morta in mare: i due sono annegati. Il ritrovamento è avvenuto sotto l’alta scogliera della Baia dei Turchi di Otranto, in provincia di Lecce, una delle insenature più famose e suggestive del Salento. Le vittime, Pia Patruno e Rosario Francesco Mancino di 27 e 29 anni di età, erano in vacanza nella rinomata località turistica insieme ad una comitivia composta complessivamente da sei persone. Sul posto si sono portati gli uomini della Capitaneria di Porto e i Carabinieri. I corpi dei due giovani sono stati recuperati. In un primo momento si era ipotizzato che i ragazzi fossero precipitati dalla scogliera mentre si accingevano a tuffarsi. Gli inquirenti, hanno però ricostruito la dinamica esatta della tragedia, grazie alla testimonianza di alcuni bagnanti, i quali hanno riferito di aver visto in difficoltà la ragazza che è poi sparita tra le onde.

BAIA DEI TURCHI, COPPIA DI AMICI MUORE IN MARE: ENTRAMBI ANNEGATI

Non è da escludere che l’amico della giovane si sia tuffato in suo soccorso, trovando però a sua volta la morte. Come riportato da La Gazzetta del Mezzogiorno, i due erano amici; il fidanzato della ragazza era sulla spiaggia, dunque distante dal luogo della tragedia. Si tratta in ogni caso di un tratto di costa molto insidioso per i nuotatori non esperti, ma anche per chi non conosce la zona. Gli esperti sono infatti concordi nel mettere in guardia da una zona in cui, in determinate condizioni meteomarine come quelle odierne, caratterizzate da mare agitato e vento di maestrale, si creano correnti a mulinello che trascinano i bagnanti verso il fondale, inizialmente poco profondo, ma proprio per questo motivo ingannevole, poiché scende improvvisamente. Tra i primi a soccorrere i due ragazzi sono stati alcuni bagnanti medici e il bagnino, i quali hanno tentato manovre di rianimazione in attesa dellarrivo del 118.



© RIPRODUZIONE RISERVATA