Bambino di 12 anni scomparso a Chiavari/ Francesco Durli, non è mai arrivato a scuola

- Dario D'Angelo

Francesco Durli, bambino di 12 anni scomparso oggi a Chiavari: l’appello della mamma su Facebook per ritrovarlo, avvistato mentre prendeva un treno?

francesco durli scomparso chiavari 2019 facebook
Francesco Durli, 12enne scomparso a Chiavari (foto Facebook)

Sono ore di grande apprensione a Chiavari per le sorti di Francesco Durli, 12enne scomparso da questa mattina. Il bambino è uscito di casa come ogni mattina per recarsi alla scuola media Della Torra di via Rivarola ma in classe non è mai arrivato. Insegnanti e compagni non lo hanno visto: l’allarme è scattato quando i genitori non lo hanno visto rincasare. Subito sono stati allertati i carabinieri che stanno conducendo le ricerche di questo ragazzino con i capelli castani. La mamma Mariarita Cella, disperata, ha lanciato un appello su Facebook che ha già ottenuto tantissime condivisioni nel giro di poche ore: “Non troviamo Francesco. Se qualcuno lo ha visto ci dia notizie. Grazie“, queste le parole usate dalla donna che nel post sui social ha aggiunto anche una foto del figlio nella speranza di facilitare le ricerche.

BAMBINO DI 12 ANNI SCOMPARSO A CHIAVARI

L’ipotesi che Francesco Durli si sia allontanato da casa volontariamente non è da escludere a prescindere. Secondo le informazioni riportate dal portale genova24.it, infatti, il ragazzo sarebbe stato avvistato da alcuni testimoni nell’atto di prendere un treno in direzione della Spezia. Da capire però quanto sia attendibile questa informazione: per il momento la notizia non è stata confermata dalle forze dell’ordine che si stanno attivando per riportare a casa al più presto il bambino di 12 anni. Tra le informazioni che possono risultare più utili sicuramente quelle relative al suo abbigliamento: quando è uscito da casa questa mattina Francesco indossava un paio di jeans e un giaccone verde militare. Ragazzino molto attivo, il dodicenne pratica judo e anche la sua società sportiva si sta mobilitando nel passaparola.



© RIPRODUZIONE RISERVATA