Barbara Cosentino, moglie Giampiero Ingrassia/ “È morta di infarto e mia figlia…”

- Silvana Palazzo

Barbara Cosentino, moglie Giampiero Ingrassia: è morta di infarto nel 2013. L’attore la ricorda e racconta come vive il lutto

barbara cosentino giampiero ingrassia 640x300
Barbara Cosentino, moglie di Giampiero Ingrassia

Giampiero Ingrassia ricorda con amore Barbara Cosentino. La moglie morì nel 2013, all’età di 48 anni, a causa di un infarto. La donna era a Roccaraso con la figlia per sciare, invece lui era in scena a Napoli per la versione italiana del musical ispirato alla celebre commedia Frankenstein Junior di Mel Brooks. Ma a “Vieni da me” ha ricordato il loro primo incontro. «Ci presentò una mia amica dopo uno spettacolo. Io uscivo da un’altra storia». L’attore e la moglie, che faceva l’odontoiatra, si sono frequentati per un anno prima di fidanzarsi. Dal loro amore è nata poi la figlia Rebecca. Lui comunque ha raccontato un aneddoto: «Un giorno arrivò e poggiò un sacchetto trasparente. Pensavo fossero mandorle, invece erano denti veri. Ora è un ricordo tenero, all’epoca mi spaventai. Era completamente folle, in senso positivo». Caterina Balivo ha poi raccontato che avrebbe voluto mettere delle rose nella cassettiera.

BARBARA COSENTINO, MOGLIE GIAMPIERO INGRASSIA MORTA DI INFARTO

Giampiero Ingrassia dopo la morte della moglie Barbara Cosentino l’ha ricordata spesso con una rosa. Ma per ricordarla a “Vieni da me” non ha voluto che si ripetesse lo stesso gesto, preferendo invece evidenziare quell’aspetto più “folle” del suo carattere. «Era il momento di mettere la testa a posto e creare una famiglia. Venivo da una storia tormentata, fui lasciato. Non ci siamo messi insieme subito, ma dopo un anno. E poi è nata Rebecca». Nel 2013 gli arrivò un’a telefonata strana. «Mi dissero che aveva avuto un infarto. La mia prima preoccupazione fu per Rebecca. Dissi di non dirle nulla. Ho passato una notte… e il giorno dopo gliel’ho raccontato. Aveva 10 anni». Per Giampiero Ingrassia è impossibile dimenticare quel momento. «Dire alla figlia che la madre non c’è più è terribile. Ci siamo rimboccati le maniche, ho smesso di lavorare per 3-4 mesi e mi sono dedicato anima e corpo a mia figlia. Ho imparato a cucinare, a pulire… a fare la mamma». L’attore ha poi spiegato cosa ha detto a sua figlia dopo quella terribile perdita: «Ti prometto che la vita non sarà peggiore, ma diversa».



© RIPRODUZIONE RISERVATA