Bartolomeo Scavia, marito Anna Mazzamauro/ L’attrice: “Sono stata molto amata”

- Rossella Pastore

Bartolomeo Scavia, scenografo, è il marito di Anna Mazzamauro. Insieme hanno avuto una figlia, Guendalina, che oggi ha 51 anni.

Anna Mazzamauro
L’attrice Anna Mazzamauro

Bartolomeo Scavia, marito dell’attrice Anna Mazzamauro, è un architetto, scenografo e costumista alessandrino anche noto come Mimmo Scavia. Lui e Anna sono coetanei, essendo nati entrambi nel 1938. È probabile che i due si siano conosciuti proprio sul set di qualche film, dal momento che sia lui che la moglie sono stati impiegati per anni nell’industria cinematografica. Mimmo, in particolare, ha affiancato come scenografo molti registi italiani, spaziando dal genere horror a quello della fantascienza. Ricordiamo in particolare i suoi lavori con Alfonso Brescia e Joe D’Amato, i nomi più ricorrenti nell’elenco delle sue produzioni. Dal suo matrimonio con la Mazzamauro è nata una figlia, Guendalina, che oggi ha 51 anni.

Chi è Bartolomeo Scavia, marito dell’attrice Anna Mazzamauro

Né di lui né della sua famiglia si conosce più di tanto. Bartolomeo Scavia è sempre stato piuttosto riservato quanto alla sua vita di coppia con Anna, e – da buon lavoratore del ‘dietro le quinte’ – non si è mai esposto indebitamente rendendo noti dettagli circa la loro unione. Lo stesso si può dire di sua figlia Guendalina, con lui vissuta all’ombra di una ‘grande’ della comicità come Anna Mazzamauro. Dei due, d’altronde, solo lei ha avuto occasione di esporsi e di rivelare contestualmente alcuni aneddoti sulla loro vita insieme. Stando alle dichiarazioni rilasciate dall’attrice in una sua intervista a Vieni da me, Bartolomeo ha molto amato la moglie: in generale, quest’ultima si è sempre sentita benvoluta e apprezzata dagli uomini che l’hanno accompagnata nel suo percorso pubblico e privato. “Amore? In tanti mi hanno amata”, ha detto Anna nel 2018. “Io sono stata sempre tanto fragile – prosegue – tutti siamo desiderosi di affetto e amore e quando pensi di trovarlo ti abbandoni completamente magari anche sbagliando”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA