BCE E POLITICA/ Lo spread scende, ma resta il timore sul carrello della spesa

- Paolo Annoni

La Bce ha dato rassicurazioni sul fato che la sua politica monetaria rimarrà accomodante. C’è però un inevitabilmente limite in questa strategia

bce
Christine Lagarde, presidente della Bce (LaPresse)

“I tassi di interesse principali della Bce sono vicini al loro limite inferiore da diverso e tempo e lo scenario dell’inflazione del medio termine è ancora molto inferiore agli obiettivi”. In questo scenario la Bce ha rivisto la propria “forward guidance” per “sottolineare il proprio impegno a mantenere una politica monetaria accomodante costante per raggiungere il proprio obiettivo di inflazione”. Il comunicato stampa continua: “Per supportare l’obiettivo simmetrico dell’inflazione al 2% e in linea con la propria strategia di politica monetaria”, la Bce si aspetta che “i tassi di interesse rimangano ai livelli attuali o inferiori fino a quando l’inflazione non raggiunga il 2%”. “Questo potrebbe anche comportare un periodo transitorio in cui l’inflazione è moderatamente sopra l’obiettivo”.

Il significato del comunicato emerge dalla semplice osservazione dell’andamento del rendimento del decennale italiano sceso nettamente dopo la pubblicazione. La Bce, quindi, ci rassicura e assicura tutti che la politica monetaria rimarrà accomodante e aggiunge che l’unica possibile controindicazione, e cioè un balzo dell’inflazione, non si vede all’orizzonte. In ogni caso la Bce sarebbe disposta a sopportare un tasso di inflazione anche superiore all’obiettivo per un periodo transitorio. 

L’inflazione potrebbe essere il male minore in un contesto economico ancora complicato, ma a questa conclusione si può arrivare solo ponendo alcune premesse. Oggi siamo in un territorio inesplorato e la situazione attuale non può essere paragonata con le crisi precedenti. Non è mai successo che interi settori venissero chiusi d’ufficio e che ai lavoratori venisse impedito di andare a lavorare per non contagiare. I rischi, per esempio, sulle catene di fornitura di alimentari che le quarantene generano in Inghilterra sono già arrivati sui media di massa. Le banche centrali e la Bce pompano liquidità in uno scenario in cui viene impedito, giusto o sbagliato che sia, di produrre e lavorare. Il rischio è che i cambiamenti, nei prezzi, possano avvenire molto più velocemente del previsto.

C’è un’altra questione che a questo punto proprio non si può non sollevare. C’è un dato sull’inflazione “ufficiale” e c’è un’inflazione reale o percepita che sembra discostarsi dal primo numero in modo netto. Il paniere dell’inflazione di luglio 2021 forse non è rappresentativo come quello di luglio 2019 con interi settori chiusi e milioni di disoccupati. Certe cose non si possono quasi più acquistare, una crociera o un viaggio aereo intercontinentale, e altre non si comprano perché non si trovano più come prima oppure perché bisogna risparmiare. Le spese vive e indifferibili, alimentari, bollette e affitti, hanno subito incrementi negli ultimi mesi superiori o molto superiori a quelli dell’inflazione media. Il dato ufficiale sottostima l’inflazione percepita o subita da una platea ampia di famiglie e consumatori.

Il problema però non è nemmeno la politica monetaria accomodante della Bce forse inevitabile; il problema è il combinato di politiche accomodanti sommate a quarantene e lockdown che limitano la produzione di beni obbligando le imprese a produrne meno di quanto vorrebbero e meno di quanto ci sia bisogno. I sussidi alla disoccupazione e i redditi di cittadinanza mantenuti anche quando l’economia riapre contribuiscono una strutturale mancanza di lavoratori; le scelte personali, soprattutto tra i giovani, sono determinate anche da un generale rincaro del costo della vita, affitti e trasporto inclusi: meglio stare a casa. 

I mercati quindi “festeggiano” e lo spread scende, ma la questione di fondo rimane: la Bce non può stampare pasta e carne. È questo il limite vero, non abbiamo idea se vicino, lontanissimo o improbabile, contro cui si può rompere la magia dei mercati. La Bce potrebbe lanciare banconote dagli elicotteri o accreditare valuta digitale a tutti noi senza spostare di un centimetro la questione. Tralasciamo poi il fatto che le fasce più deboli in questo meccanismo sarebbero sempre dietro di un giro. 

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA