Bergamo, immigrato si fa arrestare apposta/ “Voglio trascorrere il Natale al caldo”

- Silvana Palazzo

Bergamo, immigrato si fa arrestare apposta dai carabinieri: si procura 30 grammi di cocaina e poi si consegna. “Voglio trascorrere il Natale al caldo”, dice ai militari dell’Arma

Regime carcerario
Carcere (LaPresse, 2019)

Un immigrato tunisino di 34 anni si fa arrestare apposta per trascorrere il Natale in carcere. «Voglio trascorrerlo al caldo. Dovete arrestarmi, ho molta droga con me». Così si è rivolto ai carabinieri del Nucleo Radiomobile di Bergamo, secondo quanto riportato da Il Giorno. Per farsi arrestare ha consegnato ai militari ben 32 palline di cocaina, del peso complesso di 30 grammi. I carabinieri lo hanno quindi arrestato con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Un caso singolare quello avvenuto giovedì sera. Erano passate le 22.30 da pochi minuti quando è avvenuto il blitz alla stazione ferroviaria, peraltro diventata da tempo un ritrovo di spacciatori e malviventi di ogni genere. Non a caso negli ultimi tempi ci sono stati continui blitz delle forze dell’ordine, che hanno ripulito l’area solo in parte. Ma la storia di Hamza Yacoubi, un extracomunitario senza fissa dimora, comincia però all’alba.

BERGAMO, SI FA ARRESTARE APPOSTA PER TRASCORRERE NATALE IN CARCERE

L’immigrato tunisino è stato sottoposto ad un controllo di identità sempre alla stazione ferroviaria di Bergamo. Arrestato per reingresso illegale in Italia, visto che era stato espulso, è stato rimesso in libertà in tarda mattinata al termine del processo per direttissima. Ma Hamza Yacoubi voleva essere arrestato a tutti i cosi per trascorrere le festività nel carcere di via Gleno, al caldo e con i pasti assicurati. E allora, una volta raggiunto largo Belotti ha cominciato a rompere i finestrini di due auto in preda alla rabbia cieca per essere stato rimesso in libertà. Poi ha raggiunto a Seriate il parcheggio all’aperto dove spacciava solitamente: qui ha acquistato a credito la cocaina da un connazionale. Ha preso il pullman della linea 8 per tornare a Bergamo e si è avvicinato ad una guardia giurata. «Chiama i carabinieri, ho con me tanta droga e devono arrestarmi». Il vigilante, incredulo, ha allertato i militari che, stupiti a loro volta, hanno arrestato l’extracomunitario.



© RIPRODUZIONE RISERVATA