Berlusconi non sta bene: salta udienza Ruby Ter/ “È peggiorato per il suo attivismo”

- Niccolò Magnani

Silvio Berlusconi non si presenta al processo Ruby Ter: l’avvocato “non sta bene, dovrà stare in riposo assoluto. È peggiorato per l’attivismo (cui era stato sconsigliato)”

silvio_berlusconi_zoom4_lapresse_2016
Berlusconi ancora a processo nel Ruby ter (LaPresse)

«Silvio Berlusconi non sta particolarmente bene, il personale medico francese che lo ha visitato ne ha certificato la raccomandazione a non muoversi e al riposo assoluto»: così ha parlato il legale del Cavaliere, Federico Cecconi, raggiunto dai cronisti fuori dal processo Ruby-Ter in udienza a Rho Fiera Milano (per motivi di distanziamento imposto dalle regole anti-Covid). Le condizioni di Berlusconi dopo la convalescenza post ricovero al San Raffaele non sono migliorate del tutto e ora, spiega l’avvocato, non consentono di farlo muovere liberamente: «la situazione di questi ultimi giorni ha ricevuto un’ulteriore forma di ingravescenza legata ad un certo attivismo che gli era stato sconsigliato». Non per questo comunque la difesa di Berlusconi ha chiesto il legittimo impedimento per “fermare” il processo Ruby Ter: ad inizio udienza oggi Cecconi ha presentato il quadro attuale delle condizioni di salute dell’ex premier ma «su espressa indicazione di Berlusconi condivisa da questa difesa” date anche le numerose udienze già rinviate, non si intende avanzare richiesta di legittimo impedimento», ha ribadito il legale secondo quanto riportato dall’Agenzia Ansa.

PROCESSO RUBY TER: LE ULTIME NOVITÀ

Sarebbe per una fibrillazione striale peggiorata che Berlusconi ha avuto il sostanziale divieto ad uscire di casa e il riposo assoluto da osservare: «La situazione in senso assoluto non è particolarmente edifica e – ha concluso Cecconi riguardo all’umore di Silvio Berlusconi – se si aggiunge questa situazione personale, il quadro non corrisponde allo stato ideale». Oggi intanto il processo a carico dell’ex Presidente del Consiglio, insieme ad altri 28 imputati accusati a vario titolo di corruzione in atto giudiziario e falsa testimonianza, è ripreso con l’ascolto dei testimoni, ovvero investigatori di polizia giudiziaria: «Io lo ricatto di brutto», così parlava Barbara Costa, ex showgirl, in una chat con Aris Espinosa riportato oggi in aula dall’investigatrice di polizia durante la sua deposizione (fonte Ansa). Va ricordato come Berlusconi sia indagato e a processo per dei presunti versamenti da milioni di euro a diverse ragazze ospiti delle serate di Arcore in cambio – secondo l’accusa – di silenzio per i festini hot che intraprendevano a Villa San Martino con lo stesso Berlusconi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA