Bibbiano, Renzi vs Di Maio-Salvini/ “Odio violenza bimbi, strumentalizzare fa schifo”

- Niccolò Magnani

Bibbiano, il caso degli affidi illeciti diventa anche politico: Renzi contro gli attacchi di Salvini e Di Maio al Pd “odiosa la violenza sui bimbi, ma strumentalizzare fa schifo”

crisi di governo
Renzi, Di Maio, Conte e Salvini (LaPresse, 2019)

Il caso degli affidi illeciti a Bibbiano invece di veder sottolineato tutto lo sporco e il presunto orrore dietro i fatti legati all’affidamento dei bambini gestito dai servizi sociali della Val d’Enza e dal misterioso centro “Hansel e Gretel” (in entrambi i casi bisogna lasciar lavorare le indagini per capire chi davvero abbia agito, come e con quali responsabilità, ndr) negli ultimi giorni ha preso una piega tutt’altro che “lieta” in uno scontro politico durissimo tra le due forze di Governo e il Partito Democratico, indirettamente coinvolto in quanto l’inchiesta “Angeli e Demoni” coinvolge latere alcuni sindaci e consiglieri locali del Pd. Dopo gli attacchi durissimi di Di Maio – «Pd, il partito di Bibbiano. Modello Emilia sui minori proposto dai dem si rivela un incubo» – e le critiche di Salvini – «presto sarò a Bibbiano, sinistra fa business sui minori» – arrivano le ovvie reazioni del Partito Democratico. Prima Fiano replica secco al Ministro dell’Interno «A me invece fa schifo la destra di Salvini che specula su bambini già purtroppo oggetto di vicende terribili. La magistratura condanni quanto prima i responsabili, poi se qualcuno ci diffama condannerà anche loro. Se Salvini ha da addossare qualche colpa al Partito Democratico su Bibbiano, lo faccia con più coraggio, direttamente, così ci vediamo in tribunale», poi è però Matteo Renzi a illustrare stamani su Facebook tutta la “linea” d’attacco a Lega e M5s in una vicenda come quella di Bibbiano dove le violenze e le torture psicologiche fatte ai bambini dovrebbero prevalere sulla polemica politica.

BIBBIANO, LA POLITICA SI DIVIDE

«Per me chi compie violenza sui bambini va punito senza pietà: la violenza contro i piccoli è l’atto più odioso che possa esistere. Non è un errore, è un orrore. Dunque: i responsabili paghino. E la magistratura individui i colpevoli, senza che sia il nuovo tribunale del popolo, i social media, a decidere chi è responsabile e chi no: vogliamo giustizia, giustizia, giustizia. E chi ha sbagliato, chiunque sia, deve pagare senza sconti. In queste ore Cinque Stelle e Lega attaccano a testa bassa contro di noi attribuendoci le colpe di ciò che è avvenuto a Bibbiano. Incredibile! Non potendo parlare del governo cercano un diversivo per spostare l’attenzione: e dunque strumentalizzano questa tragedi, scrive su Facebook un lungo post su Bibbiano il senatore ed ex Premier Pd Matteo Renzi. Attacca Di Maio e Salvini e dice senza mezzi termini che «chi usa violenza contro i bambini deve andare in carcere e che chi strumentalizza politicamente la violenza sui bambini FA SCHIFO!». Attacca a testa bassa sulle Fake News di casa M5s e poi si toglie lo sfizio di far notare ai colleghi Cinque Stelle che «Chi come Di Maio strumentalizza persino la vita per recuperare due voti, si qualifica per quello che è: un omuncolo meschino. E dire che l’associazione sotto accusa ha ricevuto finanziamenti dal Movimento 5 Stelle: sarebbe facile attaccarlo su questo». Per Renzi vale la giustizia e non il giustizialismo e così liquida gli attacchi di Lega e M5s contro il Pd: per un giorno non è dunque Zingaretti l’obiettivo centrale delle sue invettive, bensì l’orrore in lui provocato tanto dalle violenze contro i bimbi quanto «dalla pena di quei politici che strumentalizzano persino l’orrore». Dopo l’istituzione ieri della squadra speciale sugli affidi del Ministro Bonafede, la reazione della politica al dramma di Bibbiano attende ancora di essere valutata appieno: di certo, come ha giustamente notato stamattina il giornalista Rai Massimo Bernardini, sarà utile non gettare fango sul sistema degli affidi in toto pur condannando l’orrore di quella organizzazione vista nelle indagini sulla Val d’Enza «Al solito, grazie a un racconto giornalistico irresponsabile, il caso #Bibbiano sta diventando un processo all’affido familiare. Da vecchio genitore affidatario ne sono indignato: il cupio dissolvi della nostra società non ha limiti. Vedrete: si sgonfierà ma il discredito rimarrà».



© RIPRODUZIONE RISERVATA