Bill Gates “vaccino per bisognosi, no a chi offre di più”/ “Rischio Covid infinito”

- Niccolò Magnani

Bill Gates contro i complottisti “vaccino per chi ha bisogno davvero, non al miglior offerente. Rischio Covid si allunga se non si fa così”

Bill Gates
Bill Gates (Web, 2020)

«Se lasciamo che medicine e vaccini vadano al miglior offerente, avremo una pandemia più lunga, più ingiusta e mortale», lo ha spiegato Bill Gates, filantropo Usa e genio fondatore della Microsoft negli ultimi tempi però coinvolto con la sua “Bill e Melinda Gates Foundation” nell’aiuto alla ricerca di un vaccino anti-Covid. Il multimiliardario ha spiegato in una conferenza virtuale sulla pandemia organizzata dalla International Aids Society che occorre pensare bene come destinare le prossime scorte di vaccino – non appena sarà realizzato appieno e con tutti i test possibili: «Se lasciamo che medicine e vaccini vadano al miglior offerente, invece che alle persone e ai luoghi dove sono più necessari, avremo una pandemia più lunga, più ingiusta e mortale», ribadisce Bill Gates, di recente nell’occhio del mirino di diversi “negazionisti” che vedono nel suo impegno un modo per guadagnare ulteriormente.

L’ALLARME LANCIATO DA BILL GATES

Ricordando il Global Fund to Fight Aids, Tuberculosis and Malaria creato nel 2002 come modello per rendere le medicine per le grandi pandemia accessibile a tutti, Bill Gates ha sottolineato «Abbiamo bisogno di leader che prendano queste difficili decisioni sulla distribuzione basandole sull’equità, non su fattori guidati dal mercato». Secondo la sua visione, non bisogna lasciare indietro i più poveri o i Paesi in via sviluppo tanto per il Coronavirus quanto per tutte le altre gravi emergenze sanitarie mondiali: sfidando i complottisti e gli accusatori sul suo impegno pro-vaccino, Bill Gates ha spiegato nelle scorse settimane di puntare a produrre 1 miliardo di vaccini all’anno ma di smetterla di credere sia tutto un complotto, «se non si fa nulla la gente continuerà a morire». Lo scorso 2 maggio era stato lo stesso fondatore di Microsoft a chiamare il Premier Conte per incoraggiarlo nella lotta anti-Covid dell’Italia e nel promettere evoluzioni al più pesto sulla cura Pomezia-Oxford e altri piani di vaccino sparsi negli Usa e in Europa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA