Bimba di 5 anni morta travolta da porta calcio/ Tragedia in campo sportivo a L’Aquila

- Andrea Murgia

Una bimba di 5 anni è morta in un tragico incidente a Rocca di Botte (L’Aquila): sarebbe stata schiacciata da una porta da calcio in un campo sportivo in disuso

Loris_calcio_campo_squadra_pixabay_2017
Campo di calcio (Pixabay)

Una bimba di 5 anni è morta oggi pomeriggio intorno alle 16 a Rocca di Botte (L’Aquila) dopo essere stata schiacciata da una porta da calcio in un campo sportivo dismesso. Il personale del 118 non è riuscito a rianimare la bimba, che abitava a Roma con i genitori. La località in Abruzzo è frequentata dalla famiglia per trascorrere le vacanze ed erano andati lì a trovare i parenti.

La bambina di 5 anni morta travolta da una porta di calcio in un campo sportivo a L’Aquila stava giocando in presenza dei genitori. La dinamica dell’incidente, avvenuto intorno alle 16, resta ancora da chiarire. Sul posto sono subito arrivati i soccorritori ed è partita anche un’eliambulanza dall’Aquila, ma per la bimba, originaria di Acilia in provincia di Roma, non c’è stato nulla da fare. Sulla vicenda indagano i carabinieri della compagnia di Tagliacozzo. Il pubblico ministero a cui è affidato il caso, secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, è Elisabetta Labanti. Sul posto anche il medico legale, Domenico Paradiso.

BIMBA DI 5 ANNI MORTA TRAVOLTA DA PORTA DA CALCIO A ROCCA DI BOTTE

Dramma a Rocca di Botte, provincia de L’Aquila: una bimba di cinque anni è morta dopo essere stata travolta da una porta da calcio. Come riportato dai colleghi del Corriere della Sera, la piccola stava giocando in un campo sportivo disuso in presenza dei genitori: nonostante il repentino arrivo del personale medico del 118, per la bambina non c’è stato niente da fare.

La piccola, originaria di Acilia, si trovava nel comune abruzzese per fare visita ai parenti. La dinamica dell’incidente è ancora tutta da chiarire: le indagini sono state affidate ai carabinieri di Tagliacozzo. Sul posto, oltre ai sanitari, è arrivato anche il medico legale Domenico Paradiso.



© RIPRODUZIONE RISERVATA