Bimbo strappato alla famiglia: il video choc/ Salvini: “tv nasconde veri scandali”

- Niccolò Magnani

Salvini posta un video choc su un bambino strappato con la forza dal padre a Sassari anni fa: “in tv nascondono i veri scandali”. Dagli affidi illeciti al “caso” delle case-famiglia

Salvini e il video choc su FB
Bimbo strappato alla famiglia: il video choc postato da Salvini (Facebook)

Un video straziante è stato pubblicato poco fa dal Ministro dell’Interno Matteo Salvini in merito allo scandalo degli affidi illeciti e dei bimbi strappati alle famiglie esploso in Emilia Romagna ormai diverse settimane fa ma con evoluzioni e novità purtroppo all’ordine del giorno. Il video lanciato sui social ufficiali del vicepremier riguarda però un altro caso, di Sassari, di qualche anno fa: un video allucinante che ben documenta, al di là del caso specifico che rimane misterioso (come pure le identità dei diretti protagonisti), lo strazio di un bambino tolto letteralmente di mano dal papà e dalla nonna e trasportato via verso una “casa famiglia”. Come scrive Salvini introducendo il video choc «Solo pochi anni fa, in provincia di Sassari, un bimbo veniva strappato da suo padre e mandato, tra le urla, in una casa famiglia. Chissà quanti altri piccoli hanno subito atrocità simili…», spiega il Ministro riferendosi agli scandali di Bibbiano e Reggio Emilia cui stiamo assistendo in questi giorni. Salvini fa evidentemente polemica in merito allo scandalo dei presunti fondi russi alla Lega quando spiega «Mentre altri si occupano di fantasie, noi lavoriamo sui problemi concreti: riforma del diritto di famiglia e inchiesta sulle case famiglia, giù le mani dai bambini!!! P.S. Vergogna a tutte le tivù che nascondono questi scandali»; al di là delle polemiche politiche, il caso di Sassari resta inquietante e manda alla memoria proprio a quanto sta avvenendo di atroce per violenza e gravità dei casi in quel dell’Emilia.

VIDEO CHOC DA SASSARI: “PAPÀ, IO VOGLIO STARE CON TE!”

«Papà scusami, ti chiedo perdono, io voglio stare con te», grida il bimbo davanti ai rappresentanti della casa famiglia che sono venuti a prelevare il piccolo nella casa di suo papà e nonna: «non voglio andare, non voglio andare», si sente gridare nel video choc postato da Salvini, «si tratta di poco tempo, poi potrai vedere la tua famiglia» provano a rassicurarlo i membri della casa famiglia. «Ma basta, uscite da questa casa, andatevene via! Non mi toccare: non mi tenete con la forza», urla con tutta la forza che ha il bambino, davanti alla sua famiglia che prova da un lato a convincerlo ad andare e dall’altro si sentono piangere per quanto sta avvenendo, pare, contro la loro volontà. «Amore io ci sono, ti vogliamo bene piccolo», sussurra il padre davanti al piccolo che si dimena per non essere portato via e caricato sull’auto della casa famiglia. Le ultime fasi delle immagini sono ancora più shoccanti: «non mi portate via, papà. Non mi dite le bugie! Ti prego papà, lasciatemi: papà voglio stare con te, tu mi cercherai vero?». Il commento che si sente solo sussurrare di sottofondo pare essere quello del papà, «Brutti str…., lo farò vedere a tutti quanti cosa fate…». Il documento torna d’attualità davanti allo scandalo degli affidi illeciti: non è dato sapere al momento se anche nel caso di Sassari fosse avvenuto un fatto simile, ma di fatto le modalità e la “violenza” lo ricordano da molto vicino.



© RIPRODUZIONE RISERVATA