Bimbo ucciso a Cardito, la sorellina “papà ci picchia”/ Poliziotto “bimba sfigurata”

- Niccolò Magnani

Giuseppe Dorice, bimbo ucciso a Cardito: la sorellina “dovete arrestare papà, beve e ci picchia”. Il poliziotto che l’ha sentita “sfigurata dalle botte”

tony sessoubti badre cardito
Tony Sessoubti Badre (Foto dal web)
Pubblicità

Il 27 gennaio scorso la piccola cittadina di Cardito rimase sconvolta per la morte del piccolo Giuseppe Dorice, il bimbo ucciso a botte dal patrigno compagno della mamma: per quell’indegno fatto, la Polizia ha arrestato tanto il patrigno Tony Essobti Badre e la madre del piccolo ucciso, Valentina Casa, entrambi ora a processo. Secondo i magistrati della Procura di Napoli, la donna sarebbe rimasta «inerte mentre il compagno colpiva con efferata violenza i suoi figli, non interveniva a fermare la furia omicida del compagno, non invocava l’aiuto dei vicini, non contattava i servizi di emergenza delle forze dell’ordine». Da questa mattina però vi è una doppia testimonianza che si aggiunge alle già terribili versioni dei fatti riportate dagli inquirenti: la sorellina del piccolo Giuseppe e il poliziotto che ha visto per la prima volta la piccola il giorno dopo la morte del fratellino, ricoverata in ospedale per il tentato omicidio di cui è accusato sempre il patrigno. «Dovete portate in prigione mio padre, la sera beve la birra e ci picchia, e mamma deve chiamare i carabinieri», ha raccontato la sorellina ad un altro poliziotto che ha parlato con lei mentre disegnava nel reparto del Santobono di Napoli con il volto semi-sfigurato.

Pubblicità

LA TESTIMONIANZA CHOC SULLA TRAGEDIA DI CARDITO

È stata ricoverata con intervento urgente di ricostruzione dell’orecchio trovato parzialmente staccato dopo le botte feroci del patrigno: il dramma di Cardito è stato così raccontato tanto dalla piccola sorella quanto dal poliziotto che l’ha “visitata” per la prima volta. «Una scena raccapricciante, la bimba era totalmente sfigurata dalle botte, aveva lividi dappertutto e faceva fatica anche a vedere, aveva gli occhi gonfi e per guardare doveva aprirsi le palpebre con le manine», spiega l’agente ancora shoccato a quasi un anno dai fatti di Cardito. Al processo di Napoli Badre è accusato dell’omicidio di Giuseppe, il tentato omicidio della sorellina e i maltrattamenti, mentre di comportamento omissivo è invece accusata Valentina: le testimonianze riportate saranno certamente cruciali per definire il prosieguo del processo di primo grado, assieme a quella fornita da una vicina di casa del piccolo Giuseppe «Mi sembrava un mostro, era irriconoscibile. Non pensavo che una persona potesse arrivare a tanto. Quando ho visto la bambina ho pensato a mio figlio che ha otto anni. Aveva i capelli strappati, dietro la nuca, l’ho vista per pochi istanti ma fa male ricordare».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità