Bjorn Borg e Loredana Bertè/ La love story tormentata finita a botte

- Bruno Zampetti

Bjorn Borg, stella mondiale del tennis degli anni Settanta, è ricordato anche per la sua storia d’amore tormentata con Loredana Bertè

Borg Bjorn YT720
Bjorn Borg
Pubblicità

Bjorn Borg è considerato una delle stelle del tennis mondiale, con 11 titoli del Grande Slam conquistati nel periodo d’oro che ha vissuto professionalmente negli anni Settanta. Suo figlio Leo potrebbe ripercorrerne le orme: per ora, a 17 anni, sta riuscendo a giocare in alcuni tornei pro grazie alle wild card. Vedremo se riuscirà a lasciare il segno come suo padre, noto anche per i grandi eccessi in campo e fuori. In Italia Borg è particolarmente ricordato anche per la tormentata storia d’amore con Loredana Bertè, durante la quale entrambi tentarono il suicidio. Come ha raccontato la cantante nella sua autobiografia “Traslocando”, i due si conobbero nel 1973, quando la Bertè era fidanzata con il tennista italiano Adriano Panatta, che a Parigi sconfisse proprio il giovane Borg. Lo svedese ottenne dall’avversario di poter conoscere la sua fidanzata.

Pubblicità

BJORN BORG, IL MATRIMONIO NEL 1989 CON LOREDANA BERTÈ

I due non si incontrarono più per molto tempo, se non occasionalmente, in particolare a New York, dove iniziano a frequentarsi in maniera occasionale. È nel 1988 a Ibiza, dove Loredana Bertè partecipa a una tappa del Festivalbar, che alla fine si mettono insieme. Nel 1989 i due si sposano a Milano con rito civile celebrato dal Sindaco Pillitteri, ma l’ormai ex tennista, racconta la cantante, ha già problemi di dipendenza dalla cocaina. “Ero gelosa della cocaina”, ha detto la Bertè, che alla fine si lascia coinvolgere dal marito in una vita sregolata e con giochi pericolosi, come per esempio la roulette russa con una pistola in bocca. “Nel 1991, per provocarlo e fargli vedere che di buttare tutto per aria ero capace anch’io, ingoiai cento barbiturici”, ha raccontato la cantante.

Pubblicità

LE PAROLE DELLA CANTANTE

La storia d’amore finì quindi nel 1992, con la Bertè che picchiò il marito dopo che questi aveva chiamato in albergo due prostitute. Al Corriere della Sera Loredana Berté disse: “L’ho sposato perché si era presentato in un modo: I love you, honey, poi è diventato un altro. Con Borg ho perso sentimenti e conti in banca. Pagavo sempre io, i miliardari non hanno mai soldi in tasca. Anche oggi, se ci ripenso, non lo so se è stato amore vero, sono stata trascinata dall’idea che potesse essere per sempre, e io non avevo mai avuto niente per sempre. Dovevo lasciarlo prima!”. Non c’è stato però divorzio tra i due, tanto che quando Borg si risposò nel 2002 con Patricia Ostfeldt, madre di Leo, la Bertè l’ha denunciato per bigamia dato che risultavano ancora marito e moglie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità