BOLLETTINO CORONAVIRUS CAMPANIA 1 NOVEMBRE/ Dati: +3.860 casi, 3 morti e 409 guariti

- Niccolò Magnani

Bollettino coronavirus di Regione Campania, i dati di oggi 1 novembre 2020: +3.860 casi, 3 morti e 409 guariti. De Luca firma nuova ordinanza che proroga misure anti-Covid

bollettino coronavirus campania
Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca (LaPresse)

Continua a crescere la curva dei contagi di coronavirus in Campania. Dopo il record di ieri, l’unità di crisi regionale ne segnala un altro oggi, con il nuovo bollettino del 1° novembre 2020. I positivi del giorno sono 3.860, di cui 3.686 asintomatici e 174 sintomatici, a fronte di 21.785 tamponi. Il totale dei positivi, dunque, sale a 59.600. Si segnalano 3 morti, deceduti tra il 28 e il 31 ottobre, per un totale di 676 vittime dall’inizio dell’epidemia. Invece i guariti sono 409 nelle ultime 24 ore, nel complesso dunque sono 11.746. Dunque, in Campania ci sono 47.178 persone attualmente positive al Covid, di cui 45.592 in isolamento domiciliare, 1.416 ricoverate e 170 in terapia intensiva. A tal proposito, la Regione Campania segnala che i letti disponibili sono 1.500 per i reparti Covid, quindi ci sono 84 posti ancora disponibili, mentre 227 sono i posti letto in terapia intensiva, quindi ne restano 57. (agg. di Silvana Palazzo)

CORONAVIRUS CAMPANIA, OGGI NUOVO BOLLETTINO

Inizia novembre ma la situazione sulla Campania resta molto complessa per l’evoluzione dei casi da coronavirus che ancora ieri nell’ultimo bollettino regionale ha visto 3.669 nuovi casi (di cui 3477 asintomatici, 465 sintomatici, 14 morti, 275 guariti). In attesa del nuovo bollettino diffuso oggi dalla Regione, il Governatore De Luca ha firmato una nuova ordinanza – la numero 87 – nella quale viene sostanzialmente prorogato il pacchetto di misure anti-Covid già varato la scorsa settimana. «Ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. Ordinanza ai sensi dell’art. 32, comma 3, della legge 23 dicembre 1978, n.833 in materia di igiene e sanità pubblica e dell’art. 3 del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19. Proroga delle misure in tema di limitazioni alla mobilità, locale e interprovinciale», si legge sul portale di Regione Campania dopo la firma del Governatore De Luca sul testo che ribadisce la chiusure di tutte le scuole (con Dad al 100%), il divieto di spostamenti tra province – se non per esigenze  salute, lavorative, familiari, scolastiche o di formazione. Permane il coprifuoco tra le 23 e le 6 mentre le attività di asporto è vietato dopo le ore 22.30, con consegna a domicilio impedita dopo le 23.

CORONAVIRUS CAMPANIA, I DATI DELL’EMERGENZA

In attesa dei nuovi aggiornamenti dal bollettino Campania del 1 novembre 2020, i numeri di ieri raccontano ancora una situazione comunque preoccupante: in totale i positivi in Regione fino a ieri registrati sono 55.740, con 20.860 nuovi tamponi processati e per l’appunto con 3669 nuovi casi individuati solo nella giornata di ieri. Stamani al primo vertice Governo-Regioni sul nuovo Dpcm in arrivo, presente anche il Governatore Vincenzo De Luca per provare a scongiurare l’ipotesi di lockdown “locali” su Napoli e sulle altre città più colpite d’Italia. L’accordo non si è trovato e così il Ministro degli Affari Regionali Boccia ha rinviato il tutto a domani mattina, prima dell’informativa di Giuseppe Conte al Parlamento sulle nuove misure da prendere per fermare la curva epidemiologica. Resta il monito lanciato da De Luca ancora ieri dopo le ultime discussioni con i Ministri Speranza, Boccia e lo stesso Premier Conte: «il Governo sta perdendo tempo. Le scuole vanno chiuse tutte».



© RIPRODUZIONE RISERVATA