EMILIA ROMAGNA, BOLLETTINO CORONAVIRUS 22 MAGGIO/ +12 morti, 53 nuovi casi

- Carmine Massimo Balsamo

Bollettino coronavirus Emilia Romagna, i dati aggiornati al 22 maggio 2020: buone notizie dalla Regione, il punto di Donini

bollettino coronavirus emilia romagna
Stefano Bonaccini (LaPresse)
Pubblicità

Sono ancora 53, esattamente come ieri, i nuovi casi di Coronavirus in Emilia Romagna: è quanto emerge dall’ultimo bollettino aggiornato relativo alle precedenti 24 ore. Calano leggermente i morti con 12 decessi in più, cinque in meno rispetto a ieri. Tuttavia, emergono comunque buone notizie dall’ultimo bollettino di oggi sull’epidemia d Covid-19 presentato in diretta Facebook come di consueto da parte dell’assessore regionale alle politiche per la salute dell’Emilia Romagna, Raffaele Donini. I 53 nuovi casi positivi sono quasi tutti asintomatici e trovati attraverso gli screening dei test sierologici e successivi tamponi da parte degli operatori sociosanitari e degli appartenenti alle forze dell’ordine. Nel corso del bilancio settimanale, Donini ha aggiunto: “Il tasso epidemiologico dell’Emilia Romagna è basso, resta dello 0,2% con R0 dello 0,52%, la settimana scorsa era 0,57%.  Il risultato di questi giorni, che riflette anche l’esito delle riaperture e quel che è successo dopo il 4 maggio, è molto positivo”. Tra gli altri dati che contribuiscono ad incrementare la fiducia in un futuro più roseo sono quelli relativi ai guariti, in totale 237. Donini ha ricordato che l’Emilia Romagna resta “la Regione col più alto indice di guarigione in Italia”. Tuttavia la battaglia non è ancora del tutto vinta: “Bisogna evitare assembramenti e situazioni di rischio perché questo è un virus che si trasmette molto facilmente”, ha ricordato. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

I DATI DI IERI

Appuntamento alle ore 17.30 con dell’assessore regionale alle Politiche per la salute, Raffaele Donini, per il bollettino coronavirus dell’Emilia Romagna di oggi, venerdì 22 maggio 2020. Come vi abbiamo raccontato, ieri sono stati registrati +53 casi positivi e +17 morti, che hanno portato il totale a 27.417 contagiati e 4.025 decessi. Altre ottime notizie dalla situazione negli ospedali: -4 ricoverati in terapia intensiva e -34 negli altri reparti Covid. -134 persone in isolamento domiciliare, per un totale di 4.242. Infine, ieri sono state annotate altre 208 guarigioni, per un totale di 18.466 guariti.

Pubblicità

Questo il bilancio dei casi positivi per Provincia: 4.449 a Piacenza (2 in più rispetto a ieri), 3.435 a Parma (23 in più), 4.914 a Reggio Emilia (4 in più), 3.884 a Modena (4 in più), 4.519 a Bologna (9 in più); 392 le positività registrate a Imola (1 in più), 984 a Ferrara (1 in più). In Romagna i casi di positività hanno raggiunto quota 4.840 (9 in più), di cui 1.018 a Ravenna (1 in più), 940 a Forlì (1 in più), 769 a Cesena (1 in più), 2.113 a Rimini (6 in più).

BOLLETTINO CORONAVIRUS EMILIA ROMAGNA: IL PUNTO DI BONACCINI

Intervistato da Il Resto del Carlino, il governatore Stefano Bonaccini ha spiegato: «Assembramenti e persone vicine senza mascherina sono un problema serio. E se si tratta di giovani, non accetto si dica che bisogna capirli proprio per via dell’età. Ragazze e ragazzi sono responsabili quanto gli altri. Veniamo da settimane di chiusura totale che hanno visto la stragrande maggioranza degli emiliano-romagnoli osservare scrupolosamente le regole: adesso vogliamo rovinare tutto? In questi giorni ci giochiamo tantissimo e abbiamo già pagato un prezzo molto caro».

Pubblicità

Il presidente dell’Emilia Romagna ha aggiunto: «Abbiamo l’occasione di riappropriarci di tempi, spazi e rapporti personali che quasi avevamo dimenticato: facciamolo usando la testa, pensando a noi stessi e agli altri. È sacrosanto che le persone escano e recuperino la propria socialità, il punto è il come, con quali comportamenti. Per ogni ragazzo, a casa ci sono genitori e nonni, peraltro più indifesi rispetto a loro se dovessero essere contagiati. Usiamo la testa, lo dico ai giovani, ai meno giovani. A tutti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità