CORONAVIRUS LOMBARDIA, BOLLETTINO 14 NOVEMBRE/ 15 morti, 1020 casi, 50 ter. intensive

- Alessandro Nidi

Bollettino Coronavirus Lombardia oggi, 14 novembre 2021: i dati delle ultime 24 ore con 15 morti, 1020 nuovi casi e 50 terapie intensive occupate

bollettino coronavirus lombardia
Attilio Fontana, Presidente Regione Lombardia (LaPresse, 2020)

L’ultimo aggiornamento dalla Lombardia in merito all’andamento della pandemia vede purtroppo ancora 15 morti da segnalare, con in totale nelle ultime 24 ore 1.020 nuovi casi di contagio da coronavirus.

Dall’inizio dell’emergenza sono in tutto 34.240 le persone lombarde morte positive al Covid: un numero ancora in aumento purtroppo, seppur l’evoluzione della “quarta ondata” per il momento limiti per fortuna i danni rispetto alle tre precedenti grazie all’alta diffusione di vaccini. Il tasso di positività scende all’1% (99.138 i tamponi processati) mentre gli attualmente positivi in Lombardia sono 15.172 (+800 rispetto a ieri): i guariti-dimessi sono 215 in più di ieri mentre il numero dei ricoveri vede confermare i numeri dell’ultimo bollettino di sabato, con 441 ricoverati con sintomi nei reparti Covid e 50 terapie intensive occupate. Per quanto riguarda la diffusione del contagio da coronavirus nelle province lombarde, ecco i dati della domenica: Milano 353, Brescia 121, Varese 112, Monza e Brianza 109, Bergamo 57, Como 39, Sondrio 36, Pavia 31, Lodi 33, Mantova 26, Cremona 28, Lecco 16.

BOLLETTINO COVID LOMBARDIA DI IERI

Nella giornata di oggi, domenica 14 novembre 2021, si rinnova l’appuntamento con il consueto bollettino Coronavirus Lombardia, che, per mezzo dei dati forniti dal Ministero della Salute (che nel fine settimana sostituisce la Regione nel ruolo di comunicazione degli aggiornamenti connessi alla pandemia, ndr), contribuirà a offrire un’istantanea puntuale circa l’andamento dei contagi e la pressione esercitata dai malati Covid sui reparti nosocomiali del territorio.

Volgendo intanto lo sguardo alle statistiche di ieri, in 24 ore sono stati registrati 1.237 nuovi casi a livello regionale a fronte di 107.385 tamponi processati (tra molecolari e antigenici), con un indice di positività dell’1,1%. I morti, invece, sono stati 13 e hanno portato il totale delle vittime a quota 34.235 dall’inizio dell’epidemia. Per ciò che concerne gli ospedali, i pazienti Covid in terapia intensiva sono saliti a quota 51 (+2), mentre i ricoverati sono diminuiti, attestandosi a quota 430 (-4). Gli attualmente positivi invece sono 811 in più (totale 14.372), mentre il bilancio dei guariti/dimessi fa segnare un +413.

BOLLETTINO CORONAVIRUS LOMBARDIA, ANDREA GORI (POLICLINICO): “I CONTAGI CRESCERANNO”

Mentre attendiamo di conoscere nel pomeriggio odierno i dati relativi al nuovo bollettino Coronavirus Lombardia, riportiamo le parole del primario di Malattie infettive del Policlinico, Andrea Gori, raccolte dal “Corriere della Sera”, edizione di Milano: “Ci aspettiamo che la circolazione del virus aumenti ancora, senza dar luogo a problemi sulle ospedalizzazioni, per quanto riguarda la popolazione vaccinata. Rimane il grande punto interrogativo di una ripresa dell’epidemia nei non vaccinati. Questo ci preoccupa, perché non hanno alcuna protezione verso lo sviluppo di una malattia grave”.

Intanto negli ospedali vediamo una ripresa dei ricoveri, ma molto lenta e graduale. Non esponenziale. L’anno scorso parlavamo di ondate, oggi la situazione è gestibile. Su dieci ricoverati, otto sono non vaccinati e due vaccinati. I non vaccinati. hanno una clinica sovrapponibile a quella delle precedenti ondate e gli stessi fattori di rischio: anziani, obesi, cardiopatici, polipatologici. Si presentano con insufficienza respiratoria e alcuni (pochi, grazie al miglioramento delle cure) vanno in rianimazione”. Occorre insistere con le vaccinazioni, “perché ci sono ancora 700mila lombardi non vaccinati, che costituiscono un serbatoio tale da poter sostenere una ripresa dell’epidemia. E poi perché la terza dose è vissuta come un evento straordinario, un di più non previsto. Non è così: fa parte del completamento del ciclo vaccinale”.







© RIPRODUZIONE RISERVATA