CORONAVIRUS LOMBARDIA, BOLLETTINO 29 NOVEMBRE/ 135 morti, 3203 casi, -216 ricoveri

- Niccolò Magnani

Bollettino coronavirus Lombardia, i dati del 29 novembre 2020: 135 morti, 3203 casi, -216 ricoveri. La novità sulla zona arancione in vigore da oggi: ecco cosa cambia.

bollettino coronavirus lombardia
Attilio Fontana, Governatore Regione Lombardia (LaPresse, 2020)

Sono in tutto 3.203 le persone contagiate dal coronavirus nelle ultime 24 ore, secondo il nuovo bollettino aggiornato al 29 novembre 2020: in Lombardia si contano anche 287 debolmente positivi, 63 a seguito di test sierologico, 135 morti (su 21.647 da inizio pandemia) e 756 nuovi guariti-dimessi rispetto a sabato (con 251.588 totali da febbraio ad oggi). Al momento in Lombardia sono “attivi” al Covid-19 132.627 persone: di queste, 124.320 sono in isolamento domiciliare con pochi o zero sintomi, 907 sono le terapie intensive occupate (diminuzione di 12 unità rispetto a ieri) e complessivi 7.400 ricoveri in reparti Covid-19 degli ospedali lombardi, con importante calo di 216 unità rispetto a sabato. Le province invece più colpite dal contagio oggi sono Milano (+973), Monza con 649, Brescia 322, Como 215, Sondrio 174, Varese 152, Pavia 167, Mantova 121, Lecco 84, Cremona 72, Lodi 58.

IL BOLLETTINO DI IERI

Da oggi la Regione Lombardia è divenuta “zona arancione” per effetto dell’ordinanza siglata dal Ministro della Salute Roberto Speranza dopo le decisioni della cabina di regia anti-Covid dello scorso venerdì: in attesa del nuovo bollettino diffuso da Palazzo Lombardia, i numeri di ieri ancora confermano un’emergenza tutt’ora presente ma in diminuzione rispetto alle prime settimane della “seconda ondata”. E così si contano “solo” 4.615 nuovi casi in 24 ore, a fronte di 37.286 tamponi processati nelle ultime 24 ore: sono ancora alti i decessi purtroppo, +119 su 21.512 totali da inizio pandemia, mentre aumentano molto anche i guariti (+4.736), i debolmente positivi (432) e i riscontrati da test sierologico (63). Ad oggi in Lombardia sono positivi al coronavirus 130.315 persone: di queste, 121.780 sono in isolamento domiciliare, 919 in terapia intensiva (-6) e 7.616 in reparti Covid-19 (-253 tra venerdì e sabato). Le province invece più colpite restano Milano (+1.748), segue Varese 585, Como 448, Brescia 360, Pavia 269.

CORONAVIRUS LOMBARDIA: COSA CAMBIA DA OGGI

Mentre si è ancora in attesa del nuovo bollettino Covid-19 in arrivo nel pomeriggio, le nuove regole che da oggi sono attive in Lombardia sono per la prima volta da un mese a questa parte in lieve diminuzione per i cittadini lombardi: «Non è iniziata la stagione del liberi tutti», avverte il Presidente di Regione Attilio Fontana che invita i cittadini a «non abbassare la guardia» e a «comprare italiano, lombardo». Da oggi infatti riaprono i negozi e le attività commerciali mentre resta imposto il coprifuoco notturno tra le ore 22 e le 5 del mattino, salvo i comprovati motivi di lavoro, necessità e salute. Restano vietati gli spostamenti fuori Regione e fuori Comune, mentre resta solo la raccomandazione di non spostarsi internamente al proprio Comune; i negozi sono aperti ma restano chiusi bar e ristoranti, con asporto sempre consentito fino alle ore 22 e domicilio senza restrizioni. Chiusura dei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi mentre sul fronte scuola resta la Dad per le superiori: 50% posti a disposizione sui mezzi pubblici, ancora chiuso teatri, cinema, sale giochi, piscine e palestre.



© RIPRODUZIONE RISERVATA