BOLLETTINO CORONAVIRUS LOMBARDIA, DATI 28 NOVEMBRE/ 119 morti e +4.615 casi

- Davide Giancristofaro Alberti

E’ sabato 28 novembre, e dopo le ore 17:00 è atteso il bollettino coronavirus della Lombardia con tutti i dati aggiornati

bollettino coronavirus lombardia
Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana (LaPresse)

Il bollettino coronavirus Lombardia di oggi, sabato 28 novembre 2020, fa registrare 4.615 nuovi casi, con un tasso di positività del 12,3%. La buona notizia è rappresentata dalla conferma della diminuzione dei ricoveri, sia in terapia intensiva che negli altri reperti. Vediamo i numeri nel dettaglio. Dei 4.615 nuovi casi, sono 432 quelli ‘debolmente positivi’ e 63 quelli rintracciati a seguito di test sierologico. Il totale dei guariti/dimessi è di 250.832 persone (+4.736), di cui 6.290 dimessi e 244.542 guariti. Sul fronte ospedaliero: in terapia intensiva sono ad oggi ricoverati 919 pazienti (-6 rispetto a ieri), mentre quelli negli altri reparti Covid sono 7.616 (-253). Sempre alto, ma in netto calo, il numero dei morti: oggi sono stati 119, mentre ieri erano stati 181 e giovedì 207. Dall’inizio dell’epidemia le persone che hanno perso la vita in Lombardia a causa del coronavirus sono state 21.512. (agg. di Dario D’Angelo)

BOLLETTINO CORONAVIRUS LOMBARDIA: I DATI DI IERI

Il bollettino coronavirus della regione Lombardia di oggi, sabato 28 novembre, verrà comunicato dagli organi preposti fra le ore 17:00 e le 18:00, così come accade ormai ogni giorno da circa 9 mesi a questa parte. I numeri comunicati nel bollettino di ieri hanno confermato per l’ennesima volta la curva in decrescita: 5.389 i nuovi casi segnalati a fronte di 40.931 tamponi processati, per un rapporto fra positivi e test pari al 13.1% (in leggera crescita). Purtroppo resta ancora alto il dato relativo ai decessi, ieri 181 dopo i 207 di giovedì, e dall’inizio dell’emergenza sono morte in Lombardia ben 21.393 causa covid. I dati che fanno più sorridere giungono però dalla situazione ospedaliera, con altri 127 posti letto che si sono liberati nei reparti di degenza ordinaria (al momento sono 7.869 quelli occupati), mentre nelle terapie intensive il numero è calato di nove unità, portandosi a 925. Bene infine i guariti/dimessi, ben 15.054 in sole 24 ore. Restano comunque molte le criticità, a cominciare dalla zona di Monza, dove l’Asst locale è stata costretta a chiedere l’intervento dei medici militari.

BOLLETTINO CORONAVIRUS LOMBARDIA, SITUAZIONE EMERGENZIALE A MONZA

“Siamo tuttora in una situazione di grande emergenza – le parole di Mario Alparone, direttore generale dell’Asst Monza, riportate dall’edizione de Il Giorno in data 27 novembre – perché il livello di pazienti Covid positivi ricoverati è elevatissimo e siamo molto lontani da una situazione di recupero della normalità”. I medici giungeranno in Brianza a partire da lunedì 30 novembre. La luce in fondo al tunnel inizia comunque a intravedersi, visto che la Lombardia, grazie al calo costante dei dati, ha lasciato la zona rossa per entrare in quella arancione: fra le due zone cambia sostanzialmente poco, si può ad esempio circolare liberamente nel proprio comune, e verranno riaperti alcuni negozi, ma il segnale è comunque positivo. Ma guai ad abbassare la guardia: “La situazione attuale – le parole di Fabrizio Pregliasco, riportate sempre ieri da Il Giorno – ci dice che ogni contatto interumano è a rischio di infezioni. Il principio è quello di ridurre la quota di contatti che in questo momento dobbiamo considerare superflui. Il concetto del superfluo però è un qualcosa che ognuno vede cercando di arrivare al limite, a mio avviso sbagliando. Le indicazioni sui cenoni ovviamente saranno solo raccomandazioni. Il punto è che ogni volta che stiamo con un altro dobbiamo pensare che questa persona può infettarci, perché abbiamo capito che gli asintomatici possono infettare”. Di seguito il bollettino coronavirus Lombardia di ieri

BOLLETTINO CORONAVIRUS LOMBARDIA 27 NOVEMBRE



© RIPRODUZIONE RISERVATA