BOLLETTINO CORONAVIRUS MINISTERO SALUTE 14 GENNAIO/ +186.253 casi e +360 morti

- Davide Giancristofaro Alberti

Bollettino coronavirus Ministero Salute 14 gennaio 2022: ieri emersi altri 184.615 casi di positività. Scopriamo tutti gli ultimi numeri ufficiali

coronavirus microscopio 2020 lapresse 640x300
Coronavirus al microscopio (LaPresse)

Pochi istanti fa è stato diramato il bollettino coronavirus del Ministero della Salute con i dati aggiornati sulla pandemia a giovedì 14 gennaio 2022. Come reso noto dal dicastero guidato da Roberto Speranza, nelle ultime 24 ore sono stati registrati 186.253 nuovi contagiati su 1.132.309 tamponi, dati in linea con quelli registrati ieri. In lieve rialzo il tasso di positività: dal 15,6% di giovedì al 16,4% odierno.

Purtroppo nelle ultime 24 ore sono stati registrati 360 nuovi decessi – ieri +316 – per un totale di 140.548 vittime di Covid-19 dall’inizio della pandemia. Il dato delle persone guarite o dimesse sale di oltre 125 mila unità, mentre gli attuali positivi sono 2.398.828, +75.310 rispetto a ieri. Aumentano i parametri del monitoraggio Iss: l’incidenza sale a 1.988 per 100 mila abitanti, mentre l’indice Rt è in rialzo dall’1,43 di una settimana fa all’1,56. (Aggiornamento di MB)

BOLLETTINO CORONAVIRUS MINISTERO SALUTE, GLI AGGIORNAMENTI DI IERI

Il bollettino coronavirus del ministero della salute di oggi, 14 gennaio 2022, verrà comunicato come sempre dopo le ore 17:00 di questa sera. Nell’attesa di capire se il governo deciderà di abolire il report giornaliero, in favore di uno settimanale (così come ventilato molto negli scorsi giorni), andiamo a dare una riletta al bollettino di ieri, quando i nuovi contagiati emersi sono stati in totale 184.615 a fronte di 1.181.179 tamponi analizzati sia antigenici rapidi quanto molecolari.

Il tasso di positività, l’incidenza dei contagi sul numero totale di test elaborati, è stato pari al 15.6 per cento, mentre il numero di morti da covid ieri è stato ancora una volta molto pesante, ovvero +316 decessi, per un computo aggiornato dal 20 febbraio 2020 pari a 140.188. Negli ospedali la situazione continua a peggiorare, e anche se l’incremento giornaliero non è massiccio, i reparti iniziano ad affollarsi, a cominciare da quelli di terapia intensiva, dove vi sono attualmente 1.668 allettati, -1 rispetto a ieri. In area medica, invece, il dato segna quota +339 (totale 17.648). Infine uno sguardo al bollettino della Lombardia di ieri, quando i contagi sono stati 39.683.

BOLLETTINO CORONAVIRUS MINISTERO SALUTE 14 GENNAIO: IL COMMENTO DI RENZI

Intanto nella giornata di ieri è uscito allo scoperto il numero uno di Italia Viva, Matteo Renzi, che ha invitato a fermare gli allarmismi sul covid. Intervistato da Radio Leopolda ha spiegato, così come si legge su Skytg24.it: “Bisogna smettere di inseguire isterie di chi dice che avremo un gennaio catastrofico per il Covid. E’ un altro Covid rispetto a un anno fa. Sono più che dimezzate le terapie intensive a fronte di un aumento dei contagiati, che sono trenta volte di più rispetto ai contagiati di marzo 2020”.

Renzi si è soffermato anche sulla scuola, dicendo: “Bisognerebbe fare regole ancora più semplici per le scuola. Se tu chiudi le scuole fai la cosa più ingiusta che ci possa essere: condanni questi ragazzi a vivere in uno stato di segregazione culturale e educativa”. Poi ha concluso: “Il Covid non è una influenza. Ma la nuova variante Omicron va gestita come si gestisce una influenza. Bisogna insistere sulle monoclonali. Gestiamola senza culto del numero dei contagiati: bisognerebbe dare solo il numero delle terapie intensive”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA