BOLLETTINO CORONAVIRUS ITALIA 16 SETTEMBRE/ 67 morti, 5.117 casi, -110 ricoveri

- Davide Giancristofaro Alberti

Bollettino coronavirus Ministero Salute 16 settembre 2021: 67 morti, 5.117 nuovi casi totali, -110 ricoveri in 24 ore, -9 terapie intensive

vaccino obbligatorio sanofi buono bordello vaccinati
Vaccinazione anti-Covid nell'Ospedale Cardarelli di Napoli (LaPresse)

Si conferma anche nel bollettino quotidiano del 16 settembre un calo dei ricoveri e una generale “frenata” della diffusione elevata della variante Delta del coronavirus: i dati comunicato dal Ministero della Salute registrano nelle ultime 24 ore 67 morti positivi al tampone Covid (130.167 totali da inizio pandemia), 5.117 nuovi casi di contagio, con 7.193 guariti-dimessi e un tasso di positività generale che è situato all’1,7% (+0,2%) dopo gli ultimi 306.267 test-tamponi processati.

Calano ancora gli italiani positivi – sono 116.342, -2.145 rispetto a ieri – di cui però 111.793 sono in isolamento domiciliare, 4.018 sono i ricoverati nei reparti ordinari (calo di 110 unità rispetto alla giornata di mercoledì) e 531 le terapie intensive totali occupate in Italia (-9). A livello di contagi regionali, si segnala la Sicilia davanti a tutte con 878 nuovi casi in 24 ore, segue Veneto con 613, Lombardia con 573, Campania 475, Toscana 435, b 314, b Romagna 364. (agg. di Niccolò Magnani)

IL BOLLETTINO DI IERI

E’ giovedì 16 settembre 2021, e anche per oggi è atteso il bollettino coronavirus del ministero della salute. Fra poche ore, indicativamente attorno alle ore 17:30, scopriremo come sta evolvendo la pandemia nella nostra nazione, con i contagi che sono in diminuzione da una decina di giorni a questa parte, così come testimoniato anche dal bollettino di ieri. I casi emersi nelle scorse 24 ore sono stati 4.830 su 317.666 tamponi processati, un doppio dato che ha avuto come risultante un tasso di positività pari all’1.5 per cento, in linea con i numeri degli scorsi giorni (ieri era dell’1.3).

Per quanto riguarda l’aggiornamento più triste, quello dei morti da covid, si segnalano altri 73 decessi, mentre, in merito alla situazione ospedaliera, ad oggi troviamo 4.128 ricoverati in degenza normale, dato variato di 37 unità in meno rispetto a ieri, e altri 540 nelle terapie intensive, i casi più gravi, in diminuzione rispetto alle scorse 24 ore di 14 casi. Segnaliamo come sempre i casi della Lombardia, ieri altri 628 contagi (qui il bollettino completo della regione)

BOLLETTINO CORONAVIRUS MINISTERO SALUTE 16 SETTEMBRE: IL PUNTO DEL PROF GALLI

Numeri che continuano quindi a calare, con una quarta ondata che sta diminuendo senza creare troppi danni. Sembra quindi iniziare a intravedersi la luce in fondo al tunnel, così come spiegato anche dal professor Massimo Galli, primario di malattie infettive presso l’ospedale Sacco di Milano. Parlando nella giornata di ieri con i microfoni di iNews24, questi ha spiegato: “Incrociamo le dita e vediamo cosa succede”.

“Sembra che negli ultimi giorni – ha continuato Galli – ci sia stato un numero limitato di riscontri di positività. Purtroppo però, va sottolineato un aspetto importante che riguarda gli asintomatici: molte persone, incluse quelle vaccinate, non si sottopongono al tampone perché ritengono di non averne motivo”. Ovviamente la riapertura delle scuole, scattata lunedì 13 settembre in numerose regioni d’Italia, crea preoccupazione e lo stesso Galli è stato uno dei primi a mettere in guardia da una nuova risalita dei casi nel prossimo mese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA