BOLLETTINO CORONAVIRUS ITALIA 17 SETTEMBRE/ Ministero Salute: +66 morti e 4.552 casi

- Davide Giancristofaro Alberti

Bollettino coronavirus Italia con i dati di oggi, venerdì 17 settembre 2021, diffusi dal Ministero della Salute: +66 morti e 4.552 casi, tasso di positività scende all’1,6%

coronavirus covid italia 11 lapresse1280 640x300
LaPresse

Il tasso di positività Covid oggi, venerdì 17 settembre 2021, scende all’1,6%, mostrando quindi un calo dello 0,1% alla luce del nuovo bollettino sul coronavirus in Italia che è stato diffuso dal Ministero della Salute nella giornata odierna. Ciò perché su 284.579 tamponi processati, sono stati riscontrati 4.552 contagiati. Il totale dei casi registrati dall’inizio della pandemia Covid sale a 4.627.699, mentre quello dei morti a 130.233 in virtù dei 66 deceduti registrati nelle ultime 24 ore. I guariti invece sono 6.549, portando il totale a 4.383.195.

Di conseguenza, le persone attualmente positive al coronavirus sono 114.271, di cui 109.757 in isolamento domiciliare, mentre i ricoverati con sintomi sono 3.989 (-29), invece i ricoverati in terapia intensiva sono 525 (-6), con 34 ingressi giornalieri. Per quanto riguarda la ripartizione dei casi per regione, 602 ne sono stati registrati in Sicilia, 494 in Toscana, 477 in Campania, 473 in Emilia-Romagna, 463 in Veneto. (agg. di Silvana Palazzo)

CORONAVIRUS ITALIA, OGGI NUOVO BOLLETTINO

Ecco il bollettino di oggi, venerdì 17 settembre 2021, sull’andamento del coronavirus, comunicato dal ministero della salute. Curva in leggera risalita nelle scorse 48 ore, così come si evince dal report pubblicato nella serata di ieri, quando i nuovi contagi sono stati 5.117 su 306.267 tamponi processati, per un tasso di positività che è passato dall’1.5 all’1.7%, con un piccolo rialzo. In calo invece i morti da covid, ieri 67 contro i 73 di due giorni fa, per un totale di decessi da covid pari a 130.167 dal febbraio del 2020.

Continua ad essere positiva la situazione ricoveri, con le terapie intensive che si sono liberate di nove pazienti, portandosi a quota 531 in totale, mentre nei ricoveri ordinari c’è stato un calo importante di ben 140 unità, e al momento troviamo 4.018 persone in tutte Italia ricoverate in area medica con sintomi covid. La Sicilia è stata la regione che ieri ha comunicato più contagi, 878, mentre in Lombardia sono stati 573 i nuovi casi emersi (qui il bollettino completo di ieri).

CORONAVIRUS ITALIA: IL PUNTO DI BASSETTI

Numeri positivi quindi, e anche il professore Matteo Bassetti, primario di malattie infettive del San Martino di Genova, si attende nelle prossime settimane una situazione senza dubbio migliore rispetto ad un anno fa di questi tempi: “Avremo dei casi che arriveranno all’ospedalizzazione ma credo che alla fine sarà un autunno che affronteremo molto meglio rispetto a quello passato – le parole del medico ai microfoni de I Lunatici su Rai Radio 2 – perchè a differenza di un anno fa ora abbiamo i vaccini che già in estate hanno dato prova della loro efficacia”.

“Io guardo sempre a quello che succede in Paesi che hanno iniziato la vaccinazione prima di noi – ha proseguito – in Inghilterra ci sono 30-40.000 casi al giorno, ma grazie ai vaccini la situazione legata alle ospedalizzazioni rimane tranquilla”. Quindi Bassetti ha aggiunto: “La vaccinazione non è lo strumento che impedisce i contagi, no, la vaccinazione è lo strumento che ci salva la vita. Ci evita di finire in rianimazione, di avere la forma grave. Fare la vaccinazione oggi è una assicurazione sulla vita”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA