BOLLETTINO CORONAVIRUS ITALIA 22 NOVEMBRE/ Min. Salute: 70 morti, 6404 casi, +29 t.i.

- Davide Giancristofaro Alberti

Bollettino coronavirus Ministero Salute 22 novembre 2021: dati Covid Italia, 70 morti con 6.404 nuovi casi e 29 terapie intensive in più

carlo la vecchia
(LaPresse)

Calano i nuovi contagi in 24 ore ma si registrano purtroppo più vittime: come sempre il lunedì, dopo il weekend appena concluso, i numeri del coronavirus in Italia sono complessi da commentare in quanto frutto di report compositi del ultimi tre giorni.

I dati del Covid-19 espressi dal bollettino del Ministero della Salute registrano in Italia 70 morti positivi al tampone (133.247 da inizio pandemia), +6.404 nuovi casi (4.932.091 totali da inizio emergenza) e +3.579 guariti-dimessi dagli ospedali (4.647.330 il conto totale). Il tasso di positività sale al 2,4% (+0,4% rispetto a ieri) dopo gli ultimi 267.570 tamponi-test rapidi processati. A livello di ricoveri, si segnalano l’aumento di 162 posti occupati nei reparti Covid (4507 conto totale) e 549 posti di terapia intensiva ancora occupati (+29). Ad oggi, sono 151.514 gli italiani positivi al coronavirus, con un aumento di 2.754 unità rispetto alla giornata di domenica. (agg. di Niccolò Magnani)

IL BOLLETTINO COVID DI IERI

Inizia una nuova settimana, quella del 22 novembre 2021, e anche oggi verrà emesso il nuovo bollettino coronavirus del ministero della salute. Dopo le ore 17:00 il dicastero preposto comunicherà il report aggiornato, e come sempre si tratterà di una comunicazione “falsata” dai pochi tamponi anti covid che vengono elaborati nel weekend. La cosa certa è che la curva sta continuando a salire, e fino a che punto arriverà non è dato saperlo, fatto sta che il bollettino di ieri ha mostrato 9.709 nuovi casi di positività su 487.109 tamponi analizzati sia antigenici quanto molecolari.

Il numero di persone decedute per il coronavirus è state invece 46, mentre negli ospedali italiani si è registrato un doppio incremento in terapia intensiva e in area medica: nel primo caso la crescita è stata di 8 unità, per un totale di allettati pari a 520, mentre nel secondo caso l’aumento è stato più consistente, +95, per un computo aggiornato di 4.345 unità. Infine il consueto sguardo a quello che succede in Lombardia, dove ieri sono stati comunicati 1.431 nuovi casi (qui il bollettino regionale).

BOLLETTINO CORONAVIRUS MINISTERO SALUTE 22 NOVEMBRE: IL COMMENTO DELLA MELEGARO

I casi sono in aumento in Italia, ma non si è ancora verificata quell’esplosione che si è vista ad esempio in alcune nazioni europee come Gran Bretagna e Germania. A riguardo ne ha parlato ieri, intervistata dai microfoni del Corriere della Sera, Alessia Melegaro, docente di Demografia e Statistica all’Università Bocconi e componente del nuovo Comitato tecnico scientifico: “Siamo in una fase di crescita che comunque non è drammatica e non dobbiamo disperare neppure quando vedremo la curva salire ancora”.

Poi la Melegaro ha aggiunto: “La velocità dell’aumento però è contenuta, l’incidenza settimanale è di poco inferiore ai 100 casi ogni 100 mila abitanti rispetto ai 78 dei sette giorni precedenti e ai 53 di due settimane fa. Anche l’occupazione dei posti di terapia intensiva è in lieve salita. Questo per dire che non c’è l’esplosione avvenuta in altri Paesi europei”. Infine, sulle soluzioni: “Spingere sulla campagna vaccinale e accelerare sulle terze dosi, non c’è altra strada. Gli italiani non hanno abbandonato i comportamenti virtuosi che altrove sono stati del tutto dimenticati e infatti se ne vedono le conseguenze”.







© RIPRODUZIONE RISERVATA