CORONAVIRUS ITALIA BOLLETTINO SALUTE 25 GENNAIO/ 458 morti, 186740 casi, 231k guariti

- Davide Giancristofaro Alberti

Bollettino coronavirus Ministero Salute 25 gennaio 2022: dati Covid Italia, aumento di 458 morti, 186mila casi e oltre 231mila guariti. Scende tasso positivi

carlo la vecchia
(LaPresse)

Con il rialzo imponente del numero di tamponi processati in Italia nelle ultime 24 ore, salgono i contagi ma diminuisce il tasso generale di positività del Paese: ancora alto purtroppo il numero dei morti, è invece ancora “boom” dei guariti-dimessi.

Il bollettino del Ministero della Salute ravvisa per la giornata di oggi, 25 gennaio 2022, l’aumento di 186.740 contagiati dal coronavirus: si segnalano purtroppo 458 morti (144.343 da inizio pandemia) e anche 231.500 guariti, nuovo record giornaliero. Al momento il tasso di positività scende al 13,4% (-1,6%) anche per l’alto numero di test processati, ben 1.397.245 tamponi: in Italia sono ancora positivi al Covid 2.689.166, circa 20mila in meno rispetto alla giornata di ieri. Si segnalano tra i 2,6 milioni di italiani contagiati come 2.667.445 siano ancora in isolamento domiciliare senza particolari sintomi, 20.027 i ricoverati in area medica (+165) e 1.694 le terapie intensive occupate (+9 rispetto a ieri). Le Regioni con il maggior aumento di contagi in 24 ore restano Lombardia (+28mila), Veneto (+24mila), Piemonte (+18mila), Lazio (+17mila), Campania (+16mila).

IL BOLLETTINO COVID DI IERI

Il bollettino coronavirus del ministero della salute di oggi, 25 gennaio 2022, sarà particolarmente significativo in quanto ci permetterà di capire se realmente abbiamo raggiunto il picco della quarta ondata. Durante la scorsa settimana i numeri sono stati in calo su tutti i fronti, ad eccezione del dato più triste, quello riguardante le vittime da covid, e in questi giorni dovremmo avere la conferma che il peggio sembrerebbe essere passato, per lo meno per quanto riguarda contagi e ospedalizzazioni.

Un primo accenno si è avuto già con il bollettino di ieri, quando i nuovi positivi conteggiati sono stati in totale 77.696, anche se a fronte di un numero di tamponi più bassi rispetto a domenica, leggasi un totale di 519.293 fra antigenici e molecolari per un tasso di positività del 15 per cento. Come detto sopra, continuano purtroppo ad essere alte le vittime, ieri altri 352 decessi per covid, mentre negli ospedali italiani troviamo 1.685 ricoverati gravi, quelli in terapia intensiva, e altri 19.862 in area medica, per una crescita rispettivamente di 0 (stabili le T.I.) e di 235. Infine la regione Lombardia ha comunicato nel bollettino di ieri altri 8.844 positivi.

BOLLETTINO CORONAVIRUS MINISTERO SALUTE 25 GENNAIO: IL COMMENTO DI VAIA

E a proposito di contagi e di covid, da due anni in prima fila c’è il professor Francesco Vaia, direttore dell’Inmi Spallanzani di Roma. Ieri ha voluto ringraziare il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al suo ultimo giorno da capo dello stato italiano, per la vicinanza e l’appoggio manifestato negli ultimi 24 mesi: “Grazie presidente Mattarella! Il suo sostegno non è mai mancato, ci ha incoraggiati ad andare avanti, è stato un sostenitore tenace della scienza e della sua libertà! Grazie anche a lei il nostro Istituto si è affermato come ‘una delle certezze e dei baluardi del nostro Paese in questa Pandemia’”.

Poi Vaia ha aggiunto: “Continuiamo, con l’aiuto di tanti amici e colleghi, a partire dal caro Guido Silvestri, a dare un sguardo internazionale e ancora piu’ performante nella ricerca allo Spallanzani – aggiunge Vaia -. Ci attendono sfide ancora non vinte: il superamento dei brevetti per dare possibilità a tutti i popoli di accedere ai vaccini; l’aggiornamento dei vaccini e delle terapie innovative da portare a casa delle persone fragili. La modernizzazione di scuola e trasporti. Siamo sulla strada buona. Non sprechiamo questo tempo!”.





© RIPRODUZIONE RISERVATA