BOLLETTINO CORONAVIRUS ITALIA 6 SETTEMBRE/ Min. Salute: 52 morti, 3361 casi, -2 t.i.

- Davide Giancristofaro Alberti

Facciamo il punto sul covid in Italia con il bollettino coronavirus del ministero della salute di oggi, 6 settembre 2021: 52 morti, 3.361 nuovi casi, -2 terapie intensive

carlo la vecchia
(LaPresse)

Nelle ultime 24 ore il coronavirus in Italia ha colpito altre 3.361 persone, con però 3.977 guariti-dimessi e con una quota dei nuovi decessi positivi al tampone che sale a 129.567 (+52 tra domenica e lunedì): sono i dati principali contenuti nel bollettino quotidiano del Ministero della Salute, come sempre registranti la fotografia epidemiologica della giornata.

Sono al momento 136.020 gli italiani ancora positivi al Covid-19, anche se in diminuzione netta rispetto a ieri di 682 unità: con gli ultimi 134.393 tamponi processati – consueto calo registrato nei giorni dei weekend – il tasso di positività è cresciuto fino al 2,5%, un +0,5% rispetto a ieri. Fronte ospedali, se calano le terapie intensive fino a quota 570 (-2), risale il numero dei ricoverati totali, ovvero 4.872 con gli ultimi 84 in aggiunta rispetto a domenica. Infine, la mappa del contagio regionale vede ancora la Sicilia davanti a tutti con 943 casi in 24 ore: seguono Emilia Romagna con 513, Lazio 295, Toscana 313, Veneto 274, Lombardia 177. (agg. di Niccolò Magnani)

IL BOLLETTINO DI IERI

E’ giunto il momento di scoprire come sta evolvendo la pandemia di covid in Italia con il bollettino coronavirus del ministero della salute di oggi, lunedì 6 settembre. Sarà un report tendenzialmente “in difetto” in quanto il lunedì, storicamente, si fa riferimento ai tamponi processati nel weekend che solitamente sono pochi. La cosa certa è che la quarta “ondina” sta proseguendo senza fare troppi danni, e la conferma si è avuta anche ieri, quando i contagi emersi sono stati 5.315 a fronte di 259.756 tamponi processati fra molecolari e antigenici.

Sabato i nuovi casi erano stati 6.157 ma con più test anti covid di conseguenza si è leggermente rialzato il tasso di positività, portatosi dall’1.8% all’attuale 2. Le vittime tornano sotto le 50, in totale 49, mentre negli ospedali vi sono attualmente 572 persone in stato di gravità, ricoverate in terapia intensiva, dato in crescita di sole 3 unità rispetto a 48 ore fa. A livello di area medica, invece, il numero segna 4.216 pazienti, 12 in più in confronto al precedente bollettino. Si segnalano infine i 404 nuovi contagi della Lombardia (qui il report aggiornato a ieri).

BOLLETTINO CORONAVIRUS MINISTERO SALUTE 6 SETTEMBRE, BASSETTI: “ONDATA A NATALE”

Un’ondina che come detto sopra sta passando senza lasciare fin troppi strascichi, ma bisognerà capire cosa accadrà ad autunno inoltre/inverno, periodo in cui il professor Matteo Bassetti, primario di malattie infettive del San Martino di Genova, prevede un forte ritorno del virus: “Bisognerà capire quanto sarà alta questa onda e quanto rapidamente crescerà – le sue parole ai microfoni di iNews24.it -. Io sono ottimista, dobbiamo stimolare la gente a vaccinarsi. Il 95% delle persone fragili e anziane sono state messe abbastanza al sicuro”.

Bassetti si dice preoccupato in particolare dalla fascia di popolazione a rischio non ancora vaccinata: “Adesso mi preoccupano i 40enni, 50enni e 60enni. 7-8 milioni tra questi non sono vaccinati. Però ci occuperemo di tutti e al momento mi rinfranca avere 8 italiani su 10 coperti almeno dagli eventi più gravi”. Infine, sulla fase attuale del covid: ”Il picco dei contagi è stato toccato circa due settimane fa. Ieri non c’è stato un aumento significativo delle terapie intensive e stiamo attraversando una fase di stabilizzazione. Nel mio reparto da lunedì potremmo anche tornare Covid-free, dopo un periodo abbastanza pesante. L’onda estiva si sta esaurendo e il numero dei decessi è contenuto. Certo, il massimo sarebbe tendere allo zero. Se i numeri restassero questi, e non sarà così, arriveremmo intorno ai 7-12mila morti all’anno. Sono troppi, ma non sono più i mille al giorno di qualche mese fa”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA