BOLLETTINO PROTEZIONE CIVILE 6 GIUGNO/ Dati coronavirus: +270 casi e 72 morti

- Carmine Massimo Balsamo

Bollettino Protezione Civile, i dati sull’emergenza coronavirus aggiornati ad oggi, sabato 6 giugno 2020: +270 casi e 72 morti, 1.297 guariti

bollettino coronavirus protezione civile
Protezione Civile, Angelo Borrelli (LaPresse, 2020)

Calano rispetto a ieri i nuovi casi di coronavirus in Italia: sono 270 secondo il nuovo bollettino della Protezione civile. Di conseguenza, il bilancio totale sale a quota 234.801 dall’inizio dell’epidemia. Anche i decessi sono in calo: sono stati registrati 72 nuovi morti nelle ultime 24 ore, quindi il totale delle vittime di Covid-19 sono 33.846. Per quanto riguarda, invece, i guariti, ne vengono segnalati altri 1.297, per un totale che sale a 165.078. A fronte di tutti questi numeri, cala quello relativo alle persone attualmente positive al coronavirus, che scendono a quota 35.877 (-1.099). In terapia intensiva si trovano oggi 293 persone (-23 meno). Ricoverate con sintomi 5002 persone (-299 meno). In isolamento domiciliare 30.582 persone (-777). Per quanto concerne il numero di individui controllati, oggi sono stati testati 34.036 casi, quindi è stato registrato un positivo ogni 126 persone, ovvero 0,8%. Il rapporto tra tamponi fatti e casi individuati è di 1 malato ogni 268,5 tamponi fatti, il 0,4%, un valore in calo.

Dei 270 nuovi casi, 142 sono stati registrati nella Regione Lombardia, dove i morti sono 27 nelle ultime 24 ore. A quota 0 nuovi casi, invece, Campania, Umbria, Calabria, Molise e Basilicata, mentre in Piemonte sono 38 (totale 30.845), 17 in Emilia Romagna (totale 27.894) e 8 in Veneto (nel complesso 19.182). (agg. di Silvana Palazzo)

BOLLETTINO PROTEZIONE CIVILE: ATTESI NUOVI DATI

In lieve calo i nuovi decessi, balzo in avanti dei nuovi contagiati: questa un’estrema sintesi del bollettino coronavirus della Protezione Civile, appuntamento alle ore 18.00 con i dati aggiornati ad oggi, sabato 6 giugno 2020. Come vi abbiamo raccontato, venerdì sono stati registrati +518 casi positivi +85 vittime, che hanno portato il bilancio totale a 234.531 infettati e 33.774 morti. L’aumento dei contagiati è legato ai dati della Lombardia, che ha annotato oltre 400 nuovi infettati su quasi 20 tamponi effettuati.

Buone notizie dalla situazione negli ospedali: +1.886 tra dimessi e guariti, che dall’inizio dell’epidemia sono 163.781 in totale. In calo anche i ricoverati: -22 pazienti in terapia intensiva (316) e -202 unità negli altri reparti Covid. In netto calo anche le persone in isolamento domiciliare: -1.229, totale di 31.359. Infine, confermato il trend in calo degli attualmente positivi: -1.453, totale di 36.976.

BOLLETTINO PROTEZIONE CIVILE: “EPIDEMIA NON CONCLUSA”

Questo il bilancio dei casi attualmente positivi per Regione: 19.853 in Lombardia, 4.369 in Piemonte, 2.512 in Emilia-Romagna, 1.229 in Veneto, 857 in Toscana, 244 in Liguria, 2.710 nel Lazio, 1.293 nelle Marche, 774 in Campania, 846 in Puglia, 123 nella Provincia autonoma di Trento, 872 in Sicilia, 180 in Friuli Venezia Giulia, 670 in Abruzzo, 101 nella Provincia autonoma di Bolzano, 29 in Umbria, 67 in Sardegna, 10 in Valle d’Aosta, 97 in Calabria, 122 in Molise e 18 in Basilicata.

Il monitoraggio del ministero della Salute-Iss ha messo in rilievo che in quasi tutta Italia sono documentati focolai di trasmissione attivi: «Il riscontro è dovuto in gran parte all’attività di screening e indagine dei casi con identificazione e monitoraggio dei contatti stretti». E questa analisi sottolinea che l’epidemia di Covid-19 non è conclusa. Le misure di lockdown hanno permesso un controllo dell’infezione, ma in determinate realtà regionali continuano ad essere segnalati nuovi casi ogni settimana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA