BOLLETTINO CORONAVIRUS VENETO, +10 INFETTI E 0 MORTI/ I dati aggiornati all’11 luglio

- Davide Giancristofaro Alberti

Bollettino coronavirus Veneto, dieci infetti in più e zero vittime. Ecco gli ultimi dati aggiornati in merito all’epidemia di covid-19 in regione

Conte e Zaia
Premier Giuseppe Conte e Governatore Veneto Luca Zaia (LaPresse)

E’ stato diramato il primo bollettino sull’epidemia di coronavirus in Veneto, con i nuovi dati aggiornati ad oggi, 11 luglio. Buone nuove per quanto riguarda le vittime, con i decessi che sono rimasti a quota 2.039, con zero morti registrati nella notte. Gli infetti, invece, sono saliti a quota 19.379, +10 rispetto alla precedente rilevazione, mentre gli attualmente positivi sono 398, 4 in più rispetto a ieri. Negli ospedali troviamo ricoverati 142 pazienti, numero cresciuto di tre unità, ma nei reparti di terapia intensiva vi sono solamente 9 persone con il covid, dato stable. Intanto nelle scorse ore è emesso un possibile nuovo focolaio nel piccolo comune di Valli in Veneto, paese vicino a Chioggia, che ha registrato due nuovi casi, come spiegato dal quotidiano Il Gazzettino. Al momento si tratterebbe di asintomatici e in isolamento fiduciario, in attesa di ulteriori sviluppi. Il territorio di Chioggia era divenuto “covid free” dopo che per giorni non erano stati segnalati nuovi casi, ma nelle ultime ore gli infetti sono tornati a salire, seppur di poco. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

BOLLETTINO CORONAVIRUS VENETO, DATI 11 LUGLIO, 397 POSITIVI AL MOMENTO IN REGIONE

E’ atteso come sempre nella giornata odierna il doppio bollettino della regione Veneto sull’epidemia di coronavirus. Anche oggi, sabato 11 luglio, verrà emessa la doppia comunicazione con i dati della mattina, e poi a chiusura quelli della sera, con tutti gli aggiornamenti del caso. Stando all’ultimo bollettino di ieri, al momento troviamo in regione 397 persone positive al covid, di cui 20 ricoverate negli ospedali locali, e di queste, tre sono in terapia intensiva. Contando anche i negativizzati sono in totale 149 i pazienti ricoverati, di cui 9 nei reparti di rianimazione dei nosocomi regionali. Dal 21 febbraio sono state dimesse 3.651 persone, mentre le vittime sono in totale 2.039, di cui 1.435 deceduti negli ospedali. Continua ad essere ancora una volta la provincia di Padova quella con più infetti dall’epidemia, con 67 positivi su un totale di casi da inizio emergenza pari a 3.980. Seguono Treviso e Vicenza, rispettivamente a 57 e 47, con Verona a 38, Venezia a 31 e Belluno a 21. Chiude come al solito la zona di Rovigo con un solo nuovo caso registrato.

BOLLETTINO REGIONE VENETO, L’ASSESSORE DONAZZAN ESPRIME I COMPLIMENTI ALLA CATEGORIA DEI FARMACISTI

Nella giornata di ieri è uscita allo scoperto l’assessore regionale al lavoro del Veneto Elena Donazzan, che ha voluto esprimere i complimenti suoi e della regione, alla categoria dei farmacisti, fra coloro che sono stati in prima fila durante la recente epidemia di coronavirus, e categoria che ha purtroppo registrato diverse vittime nel periodo di lockdown: «Sono da sempre una convinta sostenitrice – le parole della Donazzan – del ruolo dei corpi intermedi, e in particolare del compito che un ordine professionale ed un sindacato possono svolgere nelle relazioni con le istituzioni. I farmacisti, in particolare, sono riferimenti importanti per un buon rapporto tra paziente e salute, non solo per la capillare presenza nel territorio, ma anche per la qualità della loro formazione che deve tornare centrale nell’accompagnamento dei cittadini ad un corretto stile di vita. La spesa farmaceutica nell’ambito della spesa sanitaria vale oltissimo in termini di prevenzione e di presidio di comunità anche sul fronte dei lavoratori attivi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA