BOLLETTINO CORONAVIRUS LOMBARDIA/ Video conferenza stampa: +6 morti, +135 casi

- Niccolò Magnani

Bollettino coronavirus Lombardia, la diretta video streaming della conferenza stampa con i dati su contagi, decessi e guariti oggi 10 luglio 2020

bollettino coronavirus lombardia
Regione Lombardia, l'assessore Welfare Giulio Gallera e il Governatore Attilio Fontana (LaPresse)

Bollettino coronavirus Lombardia, i dati di oggi sono in linea con quelli di ieri. Pochi istanti fa la Regione ha diramato gli ultimi aggiornamenti: +6 morti e +135 casi positivi nelle ultime 24 ore, in lieve aumento rispetto ai dati di giovedì. Il bilancio dei decessi è salito a 16.736, mentre dei 135 nuovi contagiati 46 sono debolmente positivi, mentre 72 sono stati individuati grazie ai test sierologici. +145 tra dimessi e guariti nelle ultime 24 ore, totale di 69.828. Ancora delle buone notizie dagli ospedali lombardi: -4 ricoverati in terapia intensiva (27) e -11 ricoverati negli altri reparti Covid (190). Qui di seguito la conferenza stampa da Regione Lombardia con il Sottosegretario alla Presidenza con delega ai Rapporti con le delegazioni internazionali Alan Rizzi e con il prof. Carlo Signorelli, docente di Sanità pubblica e Igiene all’università del San Raffaele. (Aggiornamento di MB)

 

BOLLETTINO CORONAVIRUS LOMBARDIA: DATI 9 LUGLIO

Non sono pessimi gli aggiornamenti giunti ieri nell’ultimo bollettino coronavirus della Lombardia sull’andamento quotidiano del temibile Sars-CoV-2: sebbene la Lombardia rimanga la Regione più colpita dal Covid-19, da giorni si è stabilizzato il trend di contagio con 100 positivi “di media” ogni giorni e vittime quasi sempre al di sotto della decina ormai da una settimana. In attesa del nuovo monitoraggio Iss con indice RT della Lombardia e di tutte le altre Regioni, oggi pomeriggio è atteso anche il nuovo bollettino della Regione a seguito della ormai consueta conferenza stampa in diretta video streaming (ore 16.45) dai canali social di Palazzo Lombardia. I dati di ieri hanno visto +5 decessi sui 16.730 totali da inizio pandemia, 119 sono invece i nuovi contagi (di cui 34 debolmente positivi e 33 con test sierologici-asintomatici) che fanno salire il dato generale fino a 94.770, di cui 8.357 sono ancora malati attivi. Le persone guarite sono 217 in più rispetto a mercoledì, con dato totale a 69.683 unità.

CORONAVIRUS LOMBARDIA, IL PUNTO DI BASSETTI

Fonte ospedali, il bollettino coronavirus di Palazzo Lombardia del 9 luglio 2020 evidenziava anche 31 posti occupati in terapia intensiva (-3) e 201 ricoverati in reparti Covid-19 (-10). Da ultimo, l’incremento dei casi per provincia vedeva Milano in testa con +35 sui 119 totali (15 nella sola città), +28 a Bergamo, +15 a Mantova, +14 a Brescia, +5 a Cremona e Varese, +4 a Pavia, +1 a Lecco, Como e Sondrio (0 a Lodi). Nel merito della nuova ordinanza del Ministro Speranza che impedisce l’arrivo in Lombardia e nel resto d’Italia di cittadini che hanno soggiornato negli ultimi 14 giorni in 13 Paesi extra Ue (Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldova, Oman, Panama, Perù, Repubblica Dominicana), il direttore della Clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova e presidente della Società italiana di terapia antinfettiva (Sita) Matteo Bassetti vede come positiva l’azione preventiva del Governo. «Bravo Speranza. E questo vista la situazione Italia dove si registrano sempre meno ricoveri Covid-19 e chiudiamo i reparti di terapia intensiva dedicati. Abbiamo dei focolai, che però controlliamo molto bene. E’ chiaro quindi che non possiamo permetterci di importare varianti di virus diversi con cariche diverse e magari più aggressive», conclude l’infettivologo ad Adnkronos Salute.



© RIPRODUZIONE RISERVATA