Bollettino vaccini Covid oggi 20 aprile/ Figliuolo: “Target per ogni regione”

- Carmine Massimo Balsamo

Facciamo il punto sul bollettino vaccini covid, con il report aggiornato oggi martedì 20 aprile 2021: 15.558.775 dosi somministrate

bollettino vaccini
Il gen. Francesco Paolo Figliuolo, commissario Covid (LaPresse)

Il bollettino dei vaccini Covid di oggi, martedì 20 aprile 2021, recita 15.558.775 dosi somministrate. Il totale delle persone vaccinate, ovvero che hanno completato il ciclo vaccinale, è salito a 4.556.228. La media nazionale della distribuzione delle somministrazioni rispetto alle consegne è dell’87,7%: le regioni più virtuose sono Puglia (92,2%), Veneto (92,1%), Umbria (91%) e Molise (90,3%). Nelle ultime posizioni troviamo Sicilia (83,2%), Basilicata (81,2%) e Calabria (76,9%).

Per quanto riguarda le somministrazioni per categoria, il bollettino vaccini Covid riporta: 5.263.784 dosi agli over 80, 3.218.776 dosi a operatori sanitari e sociosanitari, 1.774.790 dosi alla fascia 70-79, 1.740.521 dosi a soggetti fragili e caregiver, 1.136.699 dosi al personale scolastico, 857.568 dosi al personale non sanitario impiegato in strutture sanitarie e in attività lavorativa a rischio, 622.938 agli ospiti delle strutture residenziali, 341.346 alla fascia 60-69, 305.924 al comparto Difesa e Sicurezza. Infine, 296.429 ad altre persone che non rientrano nelle categorie sopra citate.

BOLLETTINO VACCINI COVID: IL PUNTO DI FIGLIUOLO

In attesa di nuovi aggiornamenti dal bollettino dei vaccini Covid, arrivano importanti novità dal commissario straordinario per l’emergenza coronavirus, Francesco Figliuolo. Il generale ha infatti assegnato a ciascuna Regione un target giornaliero di somministrazioni da rispettare quotidianamente e nell’arco di una settimana: l’obiettivo è quello di dare una regolarità alla campagna vaccinale. Come evidenziato da Repubblica, i valori verranno assegnati alle Regioni dieci giorni prima dell’inizio di ogni settimana del target di riferimento. Figliuolo ha rimarcato in una nota: «I valori target sono specifici per ogni Regione, nell’ottica di un aumento progressivo del numero di cittadini cui vengono somministrati i vaccini, e vengono definiti sulla base di una gradualità che consentirà di raggiungere gli obiettivi auspicati, rapportando le capacità di somministrazione alla disponibilità di dosi».



© RIPRODUZIONE RISERVATA