BOLLETTINO CORONAVIRUS VENETO/ Video conferenza stampa, Zaia: +4 morti

- Davide Giancristofaro Alberti

Bollettino coronavirus Veneto, la diretta della conferenza stampa del governatore Luca Zaia con i dati sull’emergenza sanitari aggiornati al 25 maggio 2020.

luca zaia veneto conferenza stampa
Luca Zaia, Presidente Regione Veneto in conferenza stampa

Nuovi dati positivi dal bollettino coronavirus del Veneto. Intervenuto in conferenza stampa, il governatore Luca Zaia ha presentato i dati aggiornati a oggi, lunedì 25 maggio 2020: +4 morti e +11 casi positivi, totale di 1.355 decessi e 19.097 contagiati. Altre ottime notizie dalla situazione negli ospedali: -1 ricoverato in terapia intensiva (totale di 39) e -2 ricoverati negli altri reparti Covid (totale di 480).

Questo il commento di Luca Zaia: «Dati positivi dal 10 aprile, si susseguono giorno dopo giorno. Guardiamo con attenzione cosa accadrà nei prossimi giorni, ma anche con preoccupazione: il pericolo non è finito. Non vogliamo abbassare la guardia: oggi avremo una Conferenza dei presidenti e parleremo di riaperture, coordinamento e protocolli, con l’ottica di procedere con la massima cautela perché il rischio reinfezione è dietro l’angolo». Qui di seguito la conferenza stampa del governatore. (Aggiornamento di MB)

BOLLETTINO CORONAVIRUS VENETO, I DATI DEL 24 MAGGIO

Anche oggi si terrà il consueto appuntamento con il bollettino Veneto. Attorno alle 12:30, spazio alla diretta video dalla sede della Protezione Civile di Venezia, della conferenza stampa del governatore Luca Zaia, per analizzare i dati di oggi, 25 maggio, sull’epidemia da coronavirus. Quella di ieri è stata una nuova giornata positiva, con sette vittime in totale, di cui una sola negli ospedali (il dato più basso da tre mesi a questa parte), e il resto in strutture esterne. Stando all’ultima rilevazione, inoltre, i nuovi positivi sono aumentati di 17 unità, altro numero che fa ben sperare. Da quando è scoppiata l’emergenza, dallo scorso 21 febbraio, gli infetti hanno toccato quota 19.091, mentre il numero dei morti è di 1.874, di cui 1.352 negli ospedali. Al momento vi sono ancora 481 persone ricoverate, ma solo 40 si trovano nelle terapie intensive. I positivi sono invece 2.643, mentre i guariti hanno toccato quota 14.574.

BOLLETTINO VENETO, ZAIA: “PRONTI IN CASO DI SECONDA ONDATA”

“Si chiude la prima settimana di riaperture – le parole di ieri di uno Zaia senza dubbio ottimista – giovedì vedremo se il mancato rispetto delle regole da parte di alcuni porterà alla risalita delle infezioni. Spero domani di chiudere il tema delle terme per poi pensare a quello che manca ancora all’appello come ad esempio teatri, cinema e discoteche. Spero che per il 15 giugno sia tutto riaperto. Il governatore ha parlato della probabile seconda ondata che secondo gli esperti potrebbe arrivare ad inizio autunno: “Se ci fosse un ritorno del Covid-19 ad ottobre si lavorerà sui micro focolai e non si penserà più di agire più con una rete a maglie fine per prendere dentro tutti finché sarà gestibile la situazione in lockdown non avrà più senso”. Un nuovo lockdown non è comunque da escludere, ma la pandemia dovrebbe far registrare numeri importanti: “Se ci fosse una ‘fiammata’ di quelle paurose con 400 persone in terapia intensiva e migliaia di ricoverati si va per forza in lockdown perché non ci sono altre alternative”.

CONFERENZA STAMPA VENETO DEL 24 MAGGIO 2020



© RIPRODUZIONE RISERVATA