Bonus 200 euro/ Sì a chi percepisce il reddito di cittadinanza: cosa poter comprare

- Danilo Aurilio

Anche chi percepisce il Reddito di Cittadinanza, avrà il suo bonus 200 euro. Ma cosa si potrà comprare? Ecco tutti i dettagli

Reddito di Cittadinanza genova
Reddito di Cittadinanza (Lapresse)

Il bonus 200 euro andrà anche a chi ha il Reddito di Cittadinanza. Nonostante il Governo Draghi sia poco generoso nei confronti di questa misura di sussidio economico, questa volta anche i benefattori del RDC potranno usufruire dell’agevolazione monetaria.

In virtù dell’approvazione del bonus da 200 euro per coloro che percepiscono già il RDC, le domande che si fanno gli utenti sono molteplici: si potrà prelevare lo stesso quantitativo di denaro? Ci sono limiti di spesa? L’accredito avverrà automaticamente?

Bonus da 200 euro per il reddito di cittadinanza: come funziona

Una considerazione importante sulla domanda relativa al sussidio da duecento euro, è quella di rendere noto che chi percepisce già il Reddito di Cittadinanza, riceverà in automatico anche il bonus da 200 euro.

Le prime erogazioni del sussidio sono partite il primo luglio 2022, (ai pensionati), i prossimi saranno proprio i percettori del Reddito. Dunque per quest’ultimi, i giorni esatti in cui ricevere il sussidio saranno il 15 di luglio oppure il 27.

A definire tutto ciò è l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale stesso, con il quale valuta singolarmente i requisiti di coloro che dovrebbero ricevere il sussidio. Nel caso specifico, anche i percettori del Reddito di Cittadinanza, per poterlo ottenere dovranno avere – come reddito familiare – meno di 35.000 annui.

Bonus da 200 euro per il reddito di cittadinanza: come e quando spenderlo

Il bonus da 200 euro per coloro che hanno il reddito di cittadinanza, dev’essere speso nello stesso mese, in quanto non è cumulabile. La Legge prevede che il bonus potrà essere utilizzato solo per comprare beni definibili di “prima necessità“, ovvero:

  • Prodotti alimentari;
  • Vestiti (non considerati tali i capi di lusso);
  • Prodotti per l’igiene;
  • Canone di locazione oppure il mutuo;
  • Bollette;
  • Acquisti medici o in farmacia (anche visite mediche o gli occhiali da vista);
  • Benzina.

E poi ancora:

  • Giochi;
  • Libri;
  • Materiale scolastico,
  • Abbonamento ai mezzi pubblici;
  • Smartphone;
  • Birra e vino;
  • Elettrodomestici;
  • Vacanze;
  • Corsi di formazione;
  • Biglietti per il cinema.






© RIPRODUZIONE RISERVATA