Bonus 600 euro autonomi e partite iva Dl Rilancio/ “In automatico entro 2-3 giorni”

- Davide Giancristofaro Alberti

Bonus 600 euro autonomi: scatterà oggi il nuovo pagamento della tranche, che avverrà in automatico a chi l’aveva già ricevuto ad aprile, nel giro di un paio di giorni

reddito di emergenza
Lapresse

Con il Decreto Rilancio, pubblicato ufficialmente nelle scorse ore sulla Gazzetta Ufficiale, scatterà il nuovo pagamento del bonus per gli autonomi da 600 euro. La grande novità rispetto alla precedente tranche, è che il compenso verrà erogato in maniera automatica e nel giro di pochi giorni. Ad annunciare la misura è stato il ministro dell’economia Roberto Gualtieri: «ci sarà il pagamento diretto dei 600 euro a tutti i 4 milioni di lavoratori autonomi, di collaboratori che li hanno già avuti – le parole del titolare del Tesoro intervistato dal Tg1, il telegiornale di Rai 1 – e questo pagamento avverrà nell’arco di 2-3 giorni al massimo. Domani (oggi ndr) sarà possibile – ha aggiunto lo stesso Gualtieri – fare domanda per i 1.200 euro per il bonus per la baby sitter e i centri estivi e poi giugno ci saranno i contributi a fondo perduto per le imprese e la terza tranche fino a 1.000 euro per i lavoratori autonomi».

BONUS 600 EURO AUTONOMI, DA GIUGNO AUMENTERA’ A 1000 EURO

Il bonus da 600 euro è destinato a tutti i lavoratori autonomi, le partite iva senza cassa, e i professionisti iscritti alle casse private. Per ottenere il bonus bisognerà dimostrare di aver subito una perdita del fatturato di almeno il 33% nel bimestre marzo-aprile, come già specificato nel precedente decreto. La grande novità, come detto in apertura, è che il fondo perduto arriverà questa volta in automatico, di conseguenza, non verranno più mandati “in palla” i server del sito dell’Inps dopo che, un mese e mezzo fa circa, erano state effettuate milioni di domande in contemporanea, provocando anche la “fuga” di dati sensibili e costringendo l’Istituto di previdenza sociale a scaglionare gli accessi al suo stesso portale. L’altra novità, come anticipato da Gualtieri, è che la terza tranche di bonus crescerà a 1000 euro, riservata sempre a professionisti in difficoltà nonché ai co.co.co che abbiano perso il lavoro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA