BONUS BABY-SITTER/ Voucher da 600 a 1000 euro per genitori lavoratori: come funziona

- Dario D'Angelo

Bonus baby-sitter: la norma a sostegno delle famiglie nel decreto “Cura Italia” legata a doppio filo a quella del congedo parentale straordinario.

drag queen scuola roma
Immagine di repertorio (Pixabay, 2018)

Il decreto Cura Italia varato dal governo ha messo al centro soprattutto le famiglie, nella speranza di contenere il più possibile i danni del coronavirus. In questo senso una misura indirizzata ad aiutare mamme e papà in difficoltà è quella del bonus baby sitter. Si tratta di un provvedimento legato a doppio filo al congedo parentale straordinario, strumento giuridico che consente ad entrambi i genitori, in alternanza, di prendere 15 giorni retribuiti al 50% in caso di figli minori di 12 anni, e permessi non retribuiti per chi è genitore di ragazzi con un’età compresa tra i 12 e i 16 anni. Nel migliore dei casi, dunque, quei genitori che non sanno a chi affidare i figli, costretti a casa vista la chiusura delle scuole, hanno diritto soltanto a metà stipendio. Ecco allora l’alternativa studiata dal governo: il bonus baby sitter.

BONUS BABY-SITTER: COME FUNZIONA

La misura pensata dal governo reintroduce il voucher che era stato oggetto di sospensione nella scorsa legge di Bilancio. Il bonus massimo a cui si ha diritto è di 600 euro, che però sale a 1000 euro per medici, infermieri, tecnici sanitari, ricercatori e militari, ovvero quelle categorie di lavoratori più strettamente impegnati nella guerra contro il coronavirus, gli uomini e le donne in prima linea, talmente in trincea da dover pensare ad una “copertura” domestica che investa l’intera giornata. Le condizioni da soddisfare per accedere al bonus baby sitter sono due: entrambi i genitori devono lavorare e la baby sitter deve essere regolarmente assunta. Se la baby sitter c’è già, ma è in nero (fenomeno molto diffuso), si deve procedere a metterla in regola facendo riferimento al CCNL sulla Disciplina del Lavoro Domestico. Come riportato dal Corriere della Sera, “la baby sitter va “inquadrata” secondo il suo livello di esperienza e competenze (i livelli vanno da A a DS). La retribuzione solitamente è su base oraria e il contratto a tempo pieno è di 40 ore. Ma se la baby sitter vive nella stessa casa dei bambini che accudisce, il contratto deve essere da baby sitter convivente, la cui retribuzione si calcola su base mensile (il lavoro full-time convivente è di 54 ore; il part-time è di 30). Naturalmente, anche lo stipendio della baby sitter prevede dei minimi retributivi, che dipendono dal livello di inquadramento”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA