Bonus psicologo 2022/ Incrementati i fondi: ecco come viene erogato

- Maria Melania Barone

Bonus psicologo 2022, il decreto aiuti bis ha aumentato le risorse disponibili portandole a 25 milioni di euro complessivi, resta invariata la procedura per richiederli.

bonus psicologo
(Pixabay)

Il bonus psicologo 2022 che era stato previsto dal precedente decreto aiuti, comprendeva una spesa di 10 milioni in totale stanziati ma, date le eccessive domande, il governo Draghi è stanziato ulteriori 15 milioni e quindi le risorse complessive salgono a 25 milioni di euro.

Bonus psicologo 2022: fondi incrementati di altri 15 milioni

“L’aumento a 25 milioni del fondo per l’assistenza psicologica varato oggi in Consiglio dei ministri — scrive su twitter il ministro della Salute Speranza — è una decisione giusta. E rappresenta una risposta concreta e veloce alle tante richieste pervenute all’Inps sin dai primi giorni di apertura delle procedure”.

Per quanto concerne il contributo per sostenere le spese relative alle sessioni di psicoterapia, si tratta di una misura doverosa soprattutto dopo due anni di pandemia che hanno abbondantemente intaccato le relazioni interpersonali, soprattutto nei giovani Dove è stata riscontrata un incidenza maggiore di ansia, stress, depressione e fragilità psicologica peggiorata anche dalle condizioni socio-economiche.

Di qui la necessità di seguire un percorso terapeutico soprattutto per quelle famiglie che, magari perché risiedono in periferia e non sono ben collegate dai mezzi pubblici, oppure abitano nei borghi, sulle montagne, a causa della pandemia sono stati maggiormente danneggiati dal distacco interpersonale che ne è derivato.

Bonus psicologo 2022: in che modo viene erogato

Il contributo è stato pensato per sostenere le spese delle sedute dallo psicologo quantificato in 50 euro a seduta al massimo, ma si tratta di un bonus richiedibile soltanto se il reddito complessivo annuale è inferiore ai €50000.

Per quanto riguarda la distribuzione delle risorse, tutte le regole pubblicate in precedenza restano invariate e anche le quote da attribuire alle varie fasce di reddito che ricordiamo sono soltanto tre:

  • Per chi ha un ISEE e compreso da 0 e 15.000 euro, il beneficio complessivo è di 600 euro quantificabile in 50 euro a seduta.
  • Chi ha un ISEE tra 15.0 e 30.000 euro può beneficiare di 400 euro di importo complessivo.
  • Chi ha un ISEE compreso tra 30 mila euro e 50 mila euro potrà beneficiare invece soltanto di 200 euro complessivi.

Le domande possono essere presentate attraverso l’accesso sul sito dell’Istituto Nazionale Previdenza Sociale (INPS) dal 25 luglio al 24 ottobre 2022 attraverso l’accesso con







© RIPRODUZIONE RISERVATA