Borsa italiana a picco per coronavirus/ Piazza Affari -4,7%, l’allarme di Bankitalia

- Carmine Massimo Balsamo

Borsa, riapertura segnata dall’allarme coronavirus: Milano in perdita, Borse europee a picco. Milano peggiore dell’area Ue. Le ultime notizie.

crollo borsa di milano coronavirus spread
(LaPresse)

Borsa italiana alle prese con il coronavirus, mercati colpiti duramente dall’allarme internazionale. Milano ha aperto in forte ribasso: come riporta il Corriere della Sera, Ftse Mib in calo del 3,4%, passato poi per il -4,2% fino ad arrivare al 4,7%. Discorso simile per il Ftse Star, che ha perso il 4,66%. Il listino europee è pressoché tutto negativo, con lo spread tra Btp e Bund tedeschi che ha aperto a 145 punti con rendimento decennale allo 0,97%. Borsa a picco anche in Germania: a Francoforte l’indice Dax in calo del 2,5%. Discorso simile anche per ciò che concerne Londra e Parigi, rispettivamente in calo dell’1,8% e del 2,4%. Le banche italiane devono fare i conti con l’allerta coronavirus e sono in netto calo: Fineco -8,2%, Banca Generali -4,6%, Banco Bpm -6,9. Il titolo peggiore è quello di Amplifon (-11,7%), seguito da quello della Juventus (-11%).

BORSA ITALIANA COLPITA DA CORONAVIRUS: ALLARME BANKITALIA

Bankitalia non ha dubbi: come confidato in un’intervista rilasciata ai microfoni di Bloomberg, il governatore Ignazio Visco ha affermato che l’effetto sul pil «potrebbe essere superiore a 0,2%». Il Fatto Quotidiano sottolinea che la stima di crescita arrivata dalla Commissione europea lo scorso 13 febbraio 2020 si fermava allo 0,3%, mentre le previsioni del governo dell’inverno scorso puntavano a un +0,6% per il 2020. Intervenuto a Riad al termine della riunione dei ministri finanziari del G20, il commissario europeo all’Economia Paolo Gentiloni ha messo in risalto che in caso di ribassi la Commissione è pronta «a promuovere politiche per la crescita ed a lavorare il più duramente possibile per risolvere tensioni commerciali e evitare altri rischi, oltre a quelli derivanti dall’epidemia del nuovo coronavirus».

© RIPRODUZIONE RISERVATA