BORSA ITALIANA OGGI/ Chiusura a +3,19%, Ferrari a +7,06% (3 novembre 2020)

- Lorenzo Torrisi

Borsa italiana news. Piazza Affari chiude in rialzo. Sul listino principale bene Ferrari e Pirelli. Male solamente Prysmian. Gli aggiornamenti sulle azioni più importanti

Trader Borsa Pad Lapresse1280 640x300
(LaPresse)

PIAZZA AFFARI, LA CHIUSURA

La Borsa italiana chiude in rialzo del 3,19% e sul listino principale troviamo in rosso solamente Prysmian con un -0,79%. Inferiori al punto percentuale i rialzi di Diasorin (+0,75%), Hera (+0,81%), Italgas (+0,89%) e Poste Italiane (+0,95%). Quelli più consistenti sono invece di Amplifon (+3,52%), Atlantia (+5,11%), Azimut (+3,51%), Banca Generali (+3,43%), Cnh Industrial (+4,84%), Enel (+3,31%), Exor (+3,4%), Ferrari (+7,06%), Fineco (+2,91%), Interpump (+3,74%), Intesa Sanpaolo (+3,93%), Inwit (+2,86%), Leonardo (+5,49%), Mediobanca (+3,4%), Nexi (+5,14%), Pirelli (+6%), Recordati (+3,39%), Saipem (+3,61%), Stm (+2,89%), Telecom Italia (+3,28%), Unicredit (+3,91%) e Unipol (+2,96%). Il cambio euro/dollaro resta sopra quota 1,17, mentre lo spread  tra Btp e Bund scende sotto i 132 punti base.

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 15:40

La Borsa italiana sale del 2% e sul listino principale troviamo in rosso solamente Hera (-0,2%), Italgas (-0,4%) e Prysmian (-0,6%). I rialzi più consistenti sono quelli di Amplifon (+3,9%), Atlantia (+3,4%), Azimut (+1,8%), Bper (+2,1%), Cnh Industrial (+3,4%), Eni (+1,8%), Exor (+1,7%), Ferrari (+5,1%), Fineco (+1,9%), Generali (+1,7%), Interpump (+2,1%), Intesa Sanpaolo (+3,3%), Leonardo (+3,4%), Mediobanca (+2,4%), Nexi (+2,6%), Pirelli (+2,5%), Recordati (+2,7%), Saipem (+4,2%), Stm (+1,9%), Telecom Italia (+2,4%), Tenaris (+2,3%), Unicredit (+3%) e Unipol (+1,7%). Il cambio euro/dollaro supera quota 1,17, mentre lo spread  tra Btp e Bund scende sotto i 133 punti base.

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 10:35

La Borsa italiana guadagna l’1,9% e sul listino principale troviamo in rosso solamente Snam (-0,2%). Hera, invece, si trova in parità. I rialzi più consistenti sono quelli di Amplifon (+1,9%), Atlantia (+4,4%), Banca Mediolanum (+1,6%), Banco Bpm (+2,1%), Bper (+5,2%), Buzzi (+3%), Cnh Industrial (+3,5%), Enel (+1,6%), Eni (+2,3%), Fca (+2,3%), Intesa Sanpaolo (+3,7%), Leonardo (+3,6%), Mediobanca (+1,8%), Moncler (+1,6%), Nexi (+2,3%), Pirelli (+3,2%), Recordati (+2,1%), Saipem (+4,5%), Stm (+2,2%), Telecom Italia (+2,6%), Unicredit (+2,8%) e Unipol (+2,3%). Il cambio euro/dollaro sale verso quota 1,17, mentre lo spread  tra Btp e Bund scende sotto i 134 punti base.

PIAZZA AFFARI CERCA UN ALTRO RIALZO

La giornata di oggi non offre dati macroeconomici rilevanti, fatto salvo quello sugli ordini all’industria americana nel mese di settembre, che verrà diffuso alle 16:00. Alle 15:00, invece, la Bce diffonderà il Rapporto sulle condizioni finanziarie dell’Eurozona. Da Piazza Affari si attendono le trimestrali di Ferrari e Safilo. Dalla Germania, invece, quella di Bayer e dalla Francia quella di Bnp Paribas.

Ieri il Ftse Mib ha chiuso in rialzo del 2,55% a 18.400 punti. Sul listino principale si è messa in luce Saipem con un +7,6%. Superiori ai tre punti percentuali anche i rialzi di Amplifon (+3,7%), Azimut (+3,3%), Banca Mediolanum (+5,5%), Banco Bpm (+3,9%), Bper (+3,7%), Buzzi (+5,2%), Cnh Industrial (+3,6%), Eni (+5,8%), Exor (+5,6%), Intesa Sanpaolo (+4,4%), Leonardo (+3,8%), Mediobanca (+3,5%), Prysmian (+3%), Telecom Italia (+3,5%), Tenaris (+5,2%), Unicredit (+3,2%) e Unipol (+3,6%). Recordati ha fatto peggio di tutti con un -3,8%. Hanno terminato la seduta in rosso anche  e solamente Campari (-1,7%), Diasorin (-1,5%), Nexi (-2,6%). Lo spread tra Btp e Bund è salito sopra i 134 punti base.



© RIPRODUZIONE RISERVATA