BORSA ITALIANA OGGI/ Chiusura a +3,55%, Leonardo a +8,49% (3 giugno 2020)

- Lorenzo Torrisi

Borsa italiana news. Piazza Affari chiude in rialzo. Sul listino principale bene Leonardo e Stm. Male invece Diasorin e Telecom Italia. Gli aggiornamenti sulle azioni più importanti

Milano Piazza Affari Consob
Piazza Affari, la Borsa di Milano (LaPresse)

PIAZZA AFFARI, LA CHIUSURA

La Borsa italiana chiude in rialzo del 3,54% e sul listino principale troviamo in rosso solamente Amplifon (-0,12%), Campari (-0,1%), Diasorin (-3,02%), Recordati (-0,22%) e Telecom Italia (-0,99%). I rialzi più consistenti sono quelli di A2A (+3,67%), Atlantia (+3,88%), Bper (+3,21%), Buzzi (+3,64%), Cnh Industrial (+5,71%), Enel (+4,38%), Eni (+4,38%), Exor (+5,54%), Fca (+5,16%), Ferragamo (+5,65%), Generali (+5,01%), Leonardo (+8,49%), Mediobanca (+5,43%), Pirelli (+3,63%), Poste Italiane (+3,03%), Saipem (+3,59%), Stm (+8,31%), Tenaris (+4,99%), Ubi Banca (+3,99%), Unicredit (+5,16%) e Unipol (+3,27%). Il cambio euro/dollaro supera quota 1,12, mentre lo spread tra Btp e Bund sfiora i 193 punti base.

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 15:45

La Borsa italiana sale del 2,8% e sul listino principale troviamo in rosso solamente Amplifon (-0,3%), Diasorin (-2,3%), Recordati (-0,4%) e Telecom Italia (-2,1%). I rialzi più consistenti sono quelli di A2A (+2,7%), Bper (+2%), Buzzi (+2,6%), Cnh Industrial (+3,6%), Enel (+3,7%), Eni (+2,3%), Exor (+3,7%), Fca (+4,2%), Ferragamo (+4,8%), Ferrari (+2,4%), Generali (+4,2%), Intesa Sanpaolo (+2%), Leonardo (+6,9%), Mediobanca (+3,3%), Pirelli (+2,4%), Poste Italiane (+2,2%), Saipem (+3,5%), Stm (+6,9%), Tenaris (+4,9%), Ubi Banca (+2,3%) e Unicredit (+3,4%). Il cambio euro/dollaro si attesta a quota 1,12, mentre lo spread tra Btp e Bund sale a 197 punti base.

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 10:30

La Borsa italiana guadagna l’1,7% e sul listino principale troviamo in rosso solamente Amplifon (-0,7%), Campari (-0,1%), Diasorin (-3,5%), Moncler (-0,7%), Nexi (-0,5%) e Telecom Italia (-1,8%). I rialzi più consistenti sono quelli di A2A (+2,1%), Atlantia (+2,9%), Azimut (+1,5%), Bper (+2,5%), Buzzi (+2%), Cnh Industrial (+1,7%), Enel (+1,8%), Eni (+2,6%), Exor (+1,7%), Fca (+3,7%), Ferragamo (+4,6%), Generali (+3,3%), Intesa Sanpaolo (+1,5%), Leonardo (+5,5%), Mediobanca (+3%), Pirelli (+2,5%), Poste Italiane (+2,6%), Prysmian (+1,5%), Saipem (+4,4%), Stm (+6,4%), Tenaris (+3,7%), Unicredit (+1,9%) e Unipol (+1,5%). Il cambio euro/dollaro supera quota 1,12, mentre lo spread tra Btp e Bund scende a 195 punti base.

PIAZZA AFFARI PUNTA A QUOTA 19.000

Non mancano dati macroeconomici rilevanti in diffusione nella giornata di oggi. Alle 9:45 sapremo la lettura finale dell’Indice PMI dei servizi di maggio relativo all’Italia. Analogo dato sarà diffuso alle 9:55 in relazione alla Germania, insieme al tasso di disoccupazione tedesco nel mese di maggio. Alle 10:00 sapremo invece quello italiano relativo ad aprile, mentre un’ora più tardi ci sarà lo stesso dato aggregato a livello europeo. Alle 9:50 sarà la volta dell’Indice PMI dei servizi di maggio, lettura finale, relativo alla Gran Bretagna. Ancora alle 10:00 toccherà all’Indice PMI composito, lettura finale di maggio, europeo. Alle 11:00 conosceremo i prezzi alla produzione di aprile in Europa. Alle 14:15 dagli Usa arriverà la stima sugli occupati del mese di maggio, mentre alle 15:45 l’Indice PMI composito, lettura finale di maggio. Alle 16:00 sarà la volta degli ordini all’industria di aprile e all’Indice ISM non manifatturiero composito di maggio. Alle 16:30 toccherà all’andamento delle scorte settimanali di petrolio.

In giornata è prevista l’emissione di titoli di stato tedeschi a cinque anni. In programma anche l’assemblea degli azionisti di Tod’s. Ieri il Ftse Mib ha chiuso in rialzo del 2,42% a 18.971 punti. Sul listino principale si è messa in evidenza Unipol, con un +5,9%. Superiori ai quattro punti percentuali anche i rialzi di Buzzi (+4,2%), Eni (+5,2%), Leonardo (+4,4%) e Tenaris (+4,2%). Chiusura in rosso solamente per Diasorin con un -1,4%.

© RIPRODUZIONE RISERVATA