Brancaleone alle Crociate/ Video: su Rete 4 il film di Mario Monicelli (29 giugno)

- Mirko Bompiani

Brancaleone alle crociate di Mario Monicelli in onda oggi, lunedì 29 giugno 2020, su Rete 4 alle ore 16: cast, trama e curiosità del film.

brancaleone alle crociate
Brancaleone alle crociate, una scena del film

La programmazione televisiva di Rete 4 prevede per il pomeriggio di oggi – lunedì 22 giugno – a partire dalle ore 16 la messa in onda del film genere commedia “Brancaleone alle Crociate”. Si tratta di una pellicola italiana realizzata da Mario Cecchi Gori con la distribuzione gestita dalla Titanus. Questa pellicola è stata prodotta nel 1970 con la regia di Mario Monicelli, che si è occupato anche dello sviluppo del soggetto e della sceneggiatura in collaborazione con il duo di sceneggiatori italiani formato da Agenore Incrocci e Furio Scarpelli. Le musiche della colonna sonora sono state composte da Carlo Rustichelli con il montaggio realizzato da Ruggero Mastroianni, mentre la fotografia è stata curata da Aldo Tonti. Nel cast sono presenti Vittorio Gassman, Adolfo Celi, Sandro Dori, Beba Loncar, Gigi Proietti, Gianrico Tedeschi e Paolo Villaggio.

“BRANCALEONE ALLE CROCIATE”, LA TRAMA DEL FILM

Brancaleone da Norcia è pronto a partire per una nuova incredibile avventura che lo vedrà a supporto delle Armate di Papa Gregorio X nella crociata in terra santa per riconquistare il Santo Sepolcro caduto nelle mani dell’impero musulmano. Il valente cavaliere, tuttavia, lungo il percorso che dovrebbe permettergli di imbarcarsi verso la Terra Santa, dovrà fare i conti insieme ad altri fedeli e ai suoi seguaci, con le forze dell’antipapa Clemente. Purtroppo Brancaleone essendo stato colto di sorpresa e soprattutto in ragione di un contingente meno numeroso rispetto ai propri avversari, è costretto ad arrendersi e peggio ancora ad essere disonorato. Infatti, per sfuggire a morte certa, decide di nascondersi in una barca rovesciata. Avrà salva la vita insieme a quattro suoi fedeli che invece vengono sepolti a testa in giù in quanto visti come degli eretici.

Avendo l’animo a pezzi, Brancaleone chiede l’intervento dell’angelo della morte, salvo poi cambiare idea non appena questi si palesa davanti ai suoi occhi. Il condottiero vorrebbe ulteriori giorni a disposizione per poter dare il proprio supporto alle armate cristiane in terra santa. L’angelo della morte decide di accogliere questa richiesta da parte del cavaliere ed inoltre gli fornisce anche delle indicazioni importanti per avere una morte che possa essere vista come gloriosa e ricordata nei secoli. Brancaleone, potendo ripartire insieme ai suoi quattro compagni di avventura e soprattutto all’inseparabile cavallo aquilante, sente in lontananza le grida di un neonato per cui decide di intervenire a supporto per salvarlo da un militare tedesco di nome di Thorz.

Nel combattimento Brancaleone avrà la meglio e riuscirà a salvare il bambino di cui scoprirà essere il figlio del re Normanno di Sicilia. La sua morte era stata voluta dal fratello del re in maniera tale da poter prendere il posto come erede sul trono. A questo punto Brancaleone si rimette in viaggio per una prima tappa in Sicilia per riconsegnare il bambino e soprattutto ottenere una ricompensa. Ha così iniziò un’altra straordinaria avventura di Brancaleone da Norcia che dovrà superare i numerosi nemici e soprattutto tanti ostacoli che si frappongono davanti a sé, verso la gloria dei secoli.

“BRANCALEONE ALLE CROCIATE”, UNA SCENA DEL FILM



© RIPRODUZIONE RISERVATA