Briatore replica alle critiche/ “Nathan con me a Dubai? Ci sono per lavoro, lui…”

- Anna Montesano

Flavio Briatore replica alle critiche sulla partenza col figlio Nathan Falco per Dubai: “Ci sono andato per lavoro, lui sta con suo padre”

Flavio Briatore in compagnia del figlio Nathan Falco
Flavio Briatore in compagnia del figlio Nathan Falco (Web, 2020)

“Il GOSSIP non dorme mai.” Inizia così un lungo post pubblicato da Flavio Briatore su Instagram. Il lungo sfogo dell’imprenditore è accompagnato da una foto che lo vede al fianco di suo figlio Nathan Falco intenti a salire su un jet privato. Allo scatto, l’ex marito di Elisabetta Gregoraci accompagna la risposta ai tanti che hanno criticato dopo aver saputo che fosse a Dubai assieme a suo figlio. “Sono andato a Dubai per lavoro, per l’apertura del nuovo concept Billionaire, che tra l’altro sta gia’ riscuotendo un successo straordinario.” ha allora spiegato l’imprenditore, per poi precisare che “Ho portato mio figlio Falco con me, assicurandomi che ogni giorno studiasse e svolgesse i compiti che gli erano stati assegnati dalla scuola prima di partire.”

Flavio Briatore risponde alle critiche per Dubai: il web dalla sua parte!

Flavio Briatore non si è fermato qui e nel lungo post su Instagram ha poi sottolineato che “Il motivo di questa mia decisione è stato soltanto il desiderio di poter passare anche questi giorni di lavoro insieme a mio figlio. Il resto sono pure fantasie e pettegolezzi.” Parole, quelle di Briatore, che hanno spaccato il web a metà. C’è chi trova che spostare un bambino a Dubai in questo periodo sia non solo sbagliato ma anche irrispettoso per ciò che gli altri bambini stanno vivendo e chi, invece, trova più che giusta e legittima la scelta di Flavio. Tra i commenti c’è chi infatti scrive: “Non starci appresso, sai quanti di loro che giudicavano o spettegolavano volevano stare al posto tuo o di tuo figlio? Sii quel che sei”, e ancora “Sei un bravo papà… la gente parlerà sempre!”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Flavio Briatore (@briatoreflavio)



© RIPRODUZIONE RISERVATA