Bruno Barbieri giudice Masterchef Italia 10/ Tanta gavetta e successo: “Sarò un giudice cattivo!”

- Hedda Hopper

Bruno Barbieri torna giudice a Masterchef Italia 2020, tanta gavetta e successo per lo chef stellato: “Sarò un giudice cattivo!”

Bruno Barbieri
Lo chef Bruno Barbieri

Bruno Barbieri torna giudice a Masterchef Italia 2020

Bruno Barbieri è pronto a scendere in campo (e ai fornelli) della nuova edizione di Masterchef Italia al via proprio oggi su Sky Uno. Lo chef ha trovato la sua gallina dalle uova d’oro con il cooking show partito ormai oltre dieci anni fa sulla piattaforma e da allora ha avuto modo di occuparsi di programmi tutti suoi tra ricette e hotel da visionare e controllare per una guerra a quattro tra albergatori. Adesso gli toccherà di nuovo indossare la sua veste da giudice impassibile e il primo lascia intendere anche che sarà più cattivo del solito. Lui è il veterano del programma ed è stato proprio lui a lanciare quella che sarà un’edizione molto particolare visto che è in piena era Covid e si è costretti a ‘giocare’ in maniera differente. Lo stesso Bruno Barbieri ha spiegato che quest’anno si è alzata l’asticella del programma e che per questo ha deciso di non farsi intenerire dalle storie personali dei concorrenti ma cercare l’eccellenza. Riuscirà davvero nel suo intento finale portando a casa un nuovo pupillo da tenere d’occhio come è già successo in passato? Lo scopriremo solo questa sera.

Tanta gavetta per Bruno Barbieri e poi il successo e i riconoscimenti

Ma chi è Bruno Barbieri? Lo chef classe 1962 è un noto ristorante e youtuber italiano che nella sua carriera è riuscito a portare a casa ben 7 stelle Michelin diventato il secondo chef con più stelle nel nostro Paese dopo Enrico Bartolini. Chi meglio di lui, il re dei tortellini, potrà dire la sua sui concorrenti della decima edizione del programma? Nato da una famiglia emiliana, Bruno Barbieri ha iniziato sin da subito la sua carriera e la sua gavetta facendo la dura vita di chef sulle navi da crociera venendo così a contatto con diverse culture che gli hanno permesso di fare delle fusioni il suo punto di forza. Quando è tornato in Italia, quasi due anni dopo, ha continuato la sua carriera nei locali della riviera romagnola ma senza mai rinunciare al perfezionamento che spesso lo ha portato all’estero fino all’inizio dell’avventura ne Locanda Solarola di Castel Guelfo. Nel corso degli anni ha dato vita ad una serie di attività imprenditoriali che poi ha sempre lasciato in mano ad altri per continuare la sua vita nomade ma sempre per amore della cucina. E la vita privata? Di lui si sa davvero poco ma la cosa certa è che si dice single e celibe e forse proprio la sua vita da nomade non gli ha permesso di mettere radici.



© RIPRODUZIONE RISERVATA