Bullismo, 13enne brasiliana picchiata per post Facebook/ Giugliano, spunta video choc

- Carmine Massimo Balsamo

Bullismo a Giugliano, vittima una 13enne brasiliana: è stata presa a schiaffi e pugni da un gruppo di coetanee, ecco il video dell’aggressione.

bullismo giugliano
Giugliano, aggressione choc con vittima una 13enne

Dopo gli episodi di Livorno e di Piacenza, nuovo caso di bullismo a Giugliano: una 13enne brasiliana è stata presa a schiaffi e pugni da un gruppetto di ragazzine per un post pubblicato su Facebook e non gradito. Sui fatti indagano i carabinieri: secondo una primissima ricostruzione, riportata dai colleghi di Repubblica, ad aggredirla con cotanta violenza sarebbero state delle coetanee probabilmente italiane. Nel filmato che circola sui social network, acquisito delle forze dell’ordine, è possibile vedere la giovane picchiata e trascinata dalle ragazzine. L’episodio choc sarebbe avvenuto nel pomeriggio del 22 maggio, con la 13enne che il giorno successivo si è presentata dalle forze dell’ordine accompagnata dalla madre per denunciare l’aggressione. Allegato inoltre il referto stilato dai medici dell’ospedale: cinque giorni di prognosi per varie escoriazioni e contusioni.

BULLISMO A GIUGLIANO: VIDEO CHOC SUI SOCIAL

Ma non solo: secondo quanto riporta Ottopagine, il 24 maggio una 13enne italiana si è presentata dai militare per denunciare di essere stata lei ad avere la peggio. Accompagnata in ospedale dalla madre, non ha avuto giorni di prognosi, essendo lievi le sue ferite. Come già sottolineato, sul caso sono in corso le indagini, con la vicenda che è stata inoltre segnalata alla Procura per i minori di Napoli. Attesi aggiornamenti nel corso delle prossime ore sul caso, con la 13enne che vive in Italia da dieci anni insieme alla madre e sembra che non abbia mai avuto problemi con le coetanee fino al giorno del pestaggio. Le sue condizioni fisiche non preoccupano, ma ciò che dovrà essere valutato è l’impatto psicologico che l’episodio potrebbe avere. Qui di seguito vi proponiamo il video che circola su Facebook:



© RIPRODUZIONE RISERVATA