Inter-Atalanta/ Mazzarri, quanti passi indietro!

- Giovanni Piolli

Inter-Atalanta (1-2): il commento di GIOVANNI PIOLLI sulla partita, inattesa battuta d’arresto dei nerazzurri nella 29esima giornata di serie A. Troppi errori per gli uomini di Mazzarri…

mazzarri_mani
Walter Mazzarri (Infophoto)

Amara sconfitta per l’Inter di Walter Mazzarri, che interrompe la striscia positiva quando la crisi di risultati e i punti persi sembravano ormai un ricordo passato. Vincere contro l’Atalanta era fondamentale per la rincorsa all’Europa e, soprattutto, per maturare come gruppo e squadra. Gli ennesimi punti persi in casa davanti al proprio pubblico sono un altro passo indietro, nonostante le recenti belle prestazioni. In realtà i neroazzurri giocano bene e creano molte azioni da gol, ma i bergamaschi risultano più cinici sotto porta ed escono dal Meazza con il bottino pieno. Walter Mazzarri deve fare fronte al solito problema per i suoi ragazzi: creare tanto, ma non finalizzare e la disattenzione difensiva che risulta decisiva per il risultato. Non è possibile giocare bene ed arrivare spesso vicino al gol, se poi le poche occasioni degli avversari risultano più pericolose di quelle avute da chi domina la partita.  Sul risultato di 1-1 l’Inter non ha alzato i ritmi e ha scoperto il fianco per le ripartenze avversarie. Bisogna immediatamente tornare sui binari. Giovedì si torna subito in campo, ancora a San Siro, questa volta contro l’Udinese. Walter Mazzarri deve stimolare la giusta concentrazione e la cattiveria agonistica necessaria per avere la mentalità vincente che serve alla sua squadra. Giocare in casa quest’anno per i neroazzurri non è facile. Il pubblico del Meazza, già di suo poco paziente e poco supportivo, in questa stagione sta scaricando tutta la propria frustrazione contro qualsiasi giocatore faccia qualche errore in campo. I tanti punti persi in casa non hanno fatto che acuire questo malumore rumoreggiante. Servono risultati da parte della squadra e pazienza da parte del pubblico. I calciatori sono professionisti, ma, chi più chi meno, tutti vengono influenzati dal tifo. La logica vorrebbe che in casa il tifo dovrebbe essere supportivo e trainante per la propria squadra, ma purtroppo ultimamente non è così. La speranza è che cambi sia la rotta dei risultati dell’Inter, che il modo di supportare la propria squadra da parte di San Siro.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori