SPECIALE CALCIOMERCATO/ Roma, Mutu giallorosso a fine stagione

- La Redazione

Della Valle ha promesso ad Adrian di liberarlo a fine stagione: il club capitolino in pole position per averlo

mutuR375_16set08
Mutu bomber viola (Foto Ansa)

Nell’agosto rovente della Fiorentina, infiammato dal caso Mutu, le temperature critiche si sono toccate quando il rumeno sembrava essere ad un passo dalla Roma. Poi il pugno duro di Della Valle che è riuscito a trattenerlo. Si, ma per quanto? Per quanto tempo un talento come Adrian Mutu, che in viola guadagna 2,5 milioni di euro, può restare impassibile di fronte alle sirene di club ben più facoltosi che lo attirano con promesse di ben più cospicui stipendi? Quando il patron della società toscana parlò con il ragazzo è probabile che gli propose un compromesso. L’attaccante sarebbe restato con l’undici di Prandelli fino a fine stagione. Poi, la promessa di liberarlo alla prima squadra disposta a sborsare 17 milioni per averlo. La Roma, ovviamente, è la prima indiziata.

Anche perchè, sostanzialmente, l’aveva già preso. C’era anche l’accordo con Corvino, la dirigenza e l’allenatore giallorossi erano tutti convinti del suo acquisto. Poi la cosa è sfumata e i capitolini hanno ripiegato su Baptista. Attaccante di peso, certo, ma non vera e propria alternativa ad un fenomeno come Adrian. Lo spazio per l’arrivo del rumeno c’è ancora e, se le cose non dovesser prendere pieghe inaspettate, con tutta probabilità a luglio Mutu si allenerà a Trigoria. Anche perchè la Fiorentina difficilmente deciderà di sforare il tetto salariare prefissato.

Unico punto a sfavore della Roma è però proprio quello economico. Infatti anche la società di Rosella Sensi si è autoimposta un limite salariale, anche se più elastico, ed è probabile che l’ingaggio dell’ ex bianconero non supererebbe i tre milioni a stagione. A quel punto si farebbero più pesanti le offerte di altre squadre. Bayern Monaco in primis, dove l’ex compagno di reparto Luca Toni, idolo in baviera, spinge per averlo nuovamente al suo fianco. Poi il solito Real Madrid dove invece trova uno sponsor in un’altro ex compagno di squadra, quel Fabio Cannavaro che lo conosce per averci giocato assieme ai tempi della Juve. e che ha già fatto il suo nome. Anche se la concorrente più temibile sembra ora essere l’Inter. Di Moratti si sa che non bada a spese e Mourinho già lo sogna vicino ad Ibrahimovic per formare una coppia veramente assortita. Quel che è certo è che se Mutu ha infiammato il mercato di quest’anno, il prossimo lo renderà lettralmente incandescente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori