ESCLUSIVA/ Eranio «Milan sarà protagonista, Gasperini è il tesoro del Genoa»

- La Redazione

STEFANO ERANIO, ex centrocampista dei rossoneri e del Grifone racconta il momento positivo che stanno viviendo le squadre di Leonardo e Gasperini

Eranio_R375_23mar09_phixr

Stefano Eranio ha giocato nel Genoa di Bagnoli e nel Milan stellare di Capello, vincendo tra l’altro con la squadra rossonera tre scudetti, tre Supercoppe italiane, una Champions League e una Supercoppa Uefa. Ha chiuso la carriera in Inghilterra al Derby County e poi in Italia alla Pro Sesto. Attualmente fa parte dello staff tecnico giovanile del Milan, occupandosi dei Giovanissimi Nazionali. A lui abbiamo chiesto, in esclusiva per il ilsussidiario. net, un parere sulla stagione di Milan e Genoa.

Eranio, questo Milan è in netta crescita, come la prima parte della stagione dei rossoneri?

E’ un Milan che cresce e che si sta riproponendo per un grande campionato. I rossoneri hanno ritrovato la condizione fisica e da lì anche la concentrazione e la convinzione nel gioco. Sicuramente la squadra rossonera ha tutte le carte in regola per fare un grande campionato. Del resto ci sono giocatori come Borriello, Ronaldinho, Nesta, Oddo e Pato, tanto per citarne alcuni, che sono tornati a buoni livelli di gioco. E il risultato si vede.

E’ un Milan da scudetto?

Per vincere lo scudetto ci vogliono tanti fattori. Vincere un campionato dipende da episodi, spesso da decisioni arbitrali e da molte altre ragioni. Credo comunque che il Milan possa fare molto bene, anche se certamente ha una rosa inferiore ad altre squadre. Ma un ruolo da protagonista potrà sicuramente recitarlo.

Quali sono i meriti di Leonardo?

Leonardo è una persona seria, molto preparata, che fa molto bene il suo lavoro. Finora non era stato fortunato. Il tempo ha giocato a suo favore. Ed è sempre il tempo, come in tutte le cose, che giudica il rendimento di un allenatore.

E Ronaldinho? E ‘ migliorato, ma non sembra comunque essere tornato quello dei tempi d’oro di Barcellona…

Ronaldinho sta giocando bene è l’uomo dell’ultimo passaggio. E’ vero, non sta segnando moltissimo, ma ha grandi qualità tecniche e deve soprattutto esprimere continuità nel suo rendimento. L’importante è che gli venga confernata la fiducia che gli si sta dando attualmente.

Parliamo dei portieri, se ne parlava come un tallone d’achille ma in realtà sono tutti forti…

Questo è vero. Dida sta giocando benissimo. Ma anche Storari ha fatto bene. E poi c’è Abbiati che sta tornando. Il Milan ha la migliore rosa di portieri del campionato. Certo Buffon e Julio Cesar sono fenomenali. Ma avere tre numeri uno molto competitivi non è cosa da tutti.

Un paragone tra il suo Milan e quello di oggi?

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO, CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO

 

 

Il Milan dove giocavo io era pieno di campioni. Ora i campioni sono un po’ meno e molti di questi hanno già un’età avanzata calcisticamente parlando. Non si può sempre avere una squadra fenomenale a tutti i livelli.

 

Parliamo del Genoa invece, come vede questa stagione della squadra rossoblu?

Molto positiva. Il Genoa può confermare la stagione dello scorso anno e qualificarsi di nuovo per l’Europa. Certo, mancano giocatori come Thiago Motta e Milito che davano qualità ancora maggiore a questa squadra e consentivano un tipo di gioco fluido e spettacolare. Milito del resto è uno degli attaccanti più forti, se non il più forte, d’Europa e uno dei migliori al mondo. C’è da dire comunque che il livello tecnico del Genoa è molto buono anche quest’anno.

Ci sono giocatori che l’hanno colpita particolmente?

Sculli, Rossi e Palacio sono molto forti. Fioccari può certamente migliorarsi e fare ancora meglio. Direi in ogni caso che in tutti i reparti il Genoa è molto attrezzato. E’ una squadra competitiva che può dare filo da torcere a tutti.

Un Genoa tra le big quindi?

Un Genoa che si sta dimostrando molto forte. Una società che sta lavorando bene. Un allenatore Gasperini che è uno dei migliori. Credo che Gasperini possa tranquillamente allenare in una grande squadra in un prossimo futuro.

 

La differenza tra le due città Milano e Genova, e tra le squadre…

Bisogna sempre vincere. Ma al Milan se arrivi secondi è un fallimento, al Genoa l’importante è fare un buon campionato. Questa è la differenza sostanziale con cui si affrontano e si vivono i campionati in queste due città, in questi due club.

E quindi un Genoa da scudetto nei prossimi anni è possibile?

Bisogna investire molto e fare un salto di qualità. Per il momento questo traguardo per il Genoa non mi sembra ancora possibile.

 

(Franco Vittadini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori