CALCIOMERCATO/ Milan, Krasic e Mongongu a gennaio, ma se va via Huntelaar…

- La Redazione

Il club rossonero cerca un attaccante un difensore centrale ed un esterno

Krasic_R375_23set09

CALCIOMERCATO MILAN – Grandi manovre in casa Milan in vista del calciomercato di gennaio. Tutto dipenderà in particolare dalle operazioni in uscita. A Milanello hanno infatti le valigie già pronte Kaladze e Huntelaar. Il primo sembra diretto verso Manchester, attratto dalle avance di Roberto Mancini, neo-tecnico dei Citizens. Il secondo, invece, nonostante le dichiarazioni di facciata dell’agente, potrebbe lasciare l’Italia già a gennaio per evitare di perdere il biglietto per i mondiali in Sud Africa.

Qualora si dovessero verificare le due cessioni due potrebbero essere i papabili sostituti. Si tratta precisamente di Cedric Mongongu e Goran Pandev. Il primo è il giovane centrale di difesa del Milan da tempo nel mirino degli osservatori di mercato rossoneri. Per avere il congolese dal passaporto francese servono circa 10 milioni di euro, soldi che il Diavolo potrebbe ricavare proprio dalla cessione di Kaladze.

Un’operazione difficile ma sicuramente fattibile e se non sarà per gennaio l’appuntamento verrà rimandato alla prossima estate. Il vice Huntelaar, invece, ora come ora sembrerebbe essere Goran Pandev. Il giocatore è essere destinato a vestire il nerazzurro ma attenzione a non sottovalutare le mosse del Milan, pronto ad approfittare di qualsiasi passo falso dei cugini dell’Inter. Nessuna società vuole farsi sfuggire l’occasione Pandev ed anche i rossoneri sono naturalmente in corsa per il macedone.

 

Galliani e Braida stanno infine lavorando all’operazione Krasic. Il serbo del Cska Mosca è considerato uno dei principali talenti dell’est Europa e arriverebbe a Milano per fare il vice-pato o per permettere a Leonardo nuove varianti tattiche. Krasic è però extracomunitario e per tesserarlo i rossoneri dovrebbero parcheggiare Adyiah in qualche società, si parla di Livorno. Costo totale dell’operazione, circa 15 milioni di euro.

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori