AS ROMA/ Ranieri: “mi piacerebbe essere il Ferguson della Roma”

- La Redazione

Il tecnico dei capitolini risponde alle domande di Roma Channel, tracciando bilancio e obiettivi della sua squadra

Ranieri_testagi__R375_17set09
Ranieri esce a testa bassa (Foto Ansa)

Uno dei punti di riferimento per la sorprendente ripresa della Roma è Claudio Ranieri. Il tecnico di Testaccio ha ridato fiducia e risultati ad una squadra in crisi ed ora, ai microfoni di Roma Channel, può fare una stima di quanto raccolto in questo 2009. “Bilancio super positivo, sono felice” anche perché “non pensavo si sarebbe aperta la porta di San Pietro, della Roma”. Ma come ha fatto, mister Ranieri, a risollevare questa squadra? “Ho detto ai ragazzi: scordatevi il bel gioco e i colpi di tacco, bisogna fare legna. Dissi che lottando novanta minuti sul campo i tifosi sarebbero tornati dalla nostra parte. Dissi: dobbiamo essere noi a riconquistare i tifosi.”

E sull’arrivo di Luca Toni non si sbilancia: "io sono come san Tommaso, se non tocco, se non lo vedo a Trigoria, non credo. È un giocatore che manca alla Roma, è molto forte in area, generoso, fa salire la squadra". Il tecnico di Testaccio, che si dice "molto contento dei miei giocatori", fa un auspicio per il 2010: "voglio una Roma ancora più concreta" e, in conclusione d’intervista, esprime un desiderio molto chiaro. "Mi piacerebbe essere il Ferguson della Roma".

 

(mar.fat.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori