CALCIOMERCATO/ Milan, Ronaldinho e quei messaggi trasversali…

- La Redazione

Panchina e “non indispensabilità”, il Gaucho rischia di lasciare Milanello

Ronaldinho_R375_10gen10
Ronaldinho, trequartista Milan (Foto Ansa)

CALCIOMERCATO MILAN – Ronaldinho sulla graticola. Il Gaucho è reduce da una panchina ad Amsterdam contro l’Ajax che ha fatto moltissimo rumore. Significativa, non tanto l’esclusione in se, visto che Dinho aveva giocato tutte le precedenti partite da titolare, quanto la mancata incisività del brasiliano in questo primo scampolo di stagione. Ad eccezione della prima partita contro il Lecce e di qualche numero contro l’Auxerre, il Gaucho non sembra essere entrato pienamente in forma e soprattutto il Milan non sembra più girare attorno a lui.

Lo ha capito anche Massimiliano Allegri che starebbe pensando ad un modulo fisso con due punte, Ibrahimovic e Pato, con Boateng al fianco per dare maggiore equilibrio. A ciò si aggiunge la presenza in squadra di Robinho uno che dopo Real Madrid e City vuole dimostrare di valere palcoscenici prestigiosi.

«Ronaldinho non più indispensabile? Nessuno qui lo è – ha affermato Clarence Seedorf a Sky -Quando giochi in una squadra come il Milan, con tutti i talenti che ci sono, bisogna mettersi tutti a disposizione della squadra. Come sta facendo Ronaldinho, come ha fatto Gattuso, come faccio io stesso». La svolta, la scorsa stagione, arrivò quasi un anno fa contro l’Atalanta. Il Gaucho partì dalla panchina e realizzò una grande rete a Bergamo, da allora, Leonardo non lo tolse più. I tifosi rossoneri sperano che il tutto si possa ripetere domani sera al Tardini di Parma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori