STEAUA BUCAREST-NAPOLI/ Mazzarri esalta questo pazzo Napoli: «Siamo stati bravissimi»

- La Redazione

Il club partenopeo pareggia dopo essere andato sotto di tre gol

Mazzarri_R375_6ott09
Walter Mazzarri (Foto: Ansa)

STEAUA BUCAREST-NAPOLI – Ennesima dimostrazione di forza e di carattere del Napoli. Il club partenopeo, dopo 16 iniziali minuti di follia in cui è andato sotto di tre gol, è riuscito a ribaltare l’incontro grazie ad un secondo tempo splendido agguantando il pareggio solo al 97esimo col solito Cavani: «Però siamo stati bravissimi, abbiamo dominato per un tempo intero – le parole di Walter Mazzarri al termine della gara – creando una decina di palle-gol. Non leggete la partita nella prima mezz’ora, perché abbiamo preso due gol senza subire un tiro in porta. Pazzesco. Ma io sono contento del mio Napoli e sono anche arrabbiato, perché non abbiamo vinto. Due cross sono diventati due gol – ha proseguito – ed è stata subito una impresa. A un certo punto ho pensato che potessimo prendere gol ad ogni traversone. Io la vedo così: siamo stati bravissimi».

Mazzarri continua nella sua disamina: «Finire sotto di tre reti in un quarto d’ora lascerebbe chiunque stecchiti, non il mio Napoli. Noi ci crediamo sempre e alla fine potevamo addirittura riuscire in un’impresa. Ma sono soddisfatto della prova dei ragazzi. Siamo partiti male, questo è vero, ma chi dice che ad aver sbagliato di più è stato chi ha giocato di meno, cade in errore. Per me, ad essere un po’ confuso era soprattutto chi è solitamente titolare».

Quindi il tecnico toscano conclude: «Si può dire che sono inc…? E certo, perché io pensavo addirittura di capovolgere il risultato ed invece dobbiamo accontentarci del pari. Ripenso ai due gol, invito a rivederli: un rilancio che finisce nell’angolo e una palla da punizione che ritroviamo in porta. Non azioni vere, come quella del loro terzo gol, quando i rumeni sono stati bravi nel ripartire dopo nostri errori. Quelle le abbiamo prodotte noi, giocando da squadra vera, che ha coraggio, che ha forza nervosa, che ha orgoglio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori