INTER JUVENTUS/ Le dichiarazioni di Benitez: “Io alla Juve? Se ne è parlato molto, ma…”

- La Redazione

NTER JUVENTUS Alla vigilia dell’attesissimo derby d’Italia è intervenuto stamattina Rafa Benitez che in conferenza stampa ha risposto alle domande dei giornalisti

Alla vigilia dell’attesissimo derby d’Italia è intervenuto stamattina Rafa Benitez che in conferenza stampa ha risposto alle domande dei giornalisti sulla probabile formazione di domani, sugli infortunati, sul suo pronostico per la gara di domani e sui suoi rapporti con la Juventus…

Benitez, alla vigilia di Inter Juventus mancano Samuel e Pandev. Come stanno? Dobbiamo aspettare per entrambi. Goran ha sentito dolore durante l’allenamento e anche Walter non ci sarà.

Cosa ha ricavato dalla gara della sua Inter con il Werder? Abbiamo fatto una buona partita. E’ buono il fatto che i giovani hanno fatto bene, vuol dire che all’occorrenza possiamo cambiare qualcosa.

Scusi mister, con che ottica guarda alla gara con la Juventus? E’ un’avversaria forte, hanno cambiato molto quest’anno, sarà più difficile per noi. Abbiamo fiducia, pensiamo che si possa vincere contro chiunque giocando bene.

La Juventus è una squadra che si adatta molto al gioco dell’Inter? Non lo so, noi abbiamo giocato contro squadre che hanno moduli differenti. Di sicuro sarà difficile. E’ vero che Benitez ha “sfiorato” la Juventus? Se n’è parlato molto, ma io ho rispetto per l’attuale allenatore della Juventus. E sono contento di essere qui.

E’ possibile che vada in campo il miglior Milito? Chi è in lista oggi ha fatto allenamento normalmente, quindi è a disposizione.

Dopo la gara contro il Werder la sua impressione sui giovani è ancora la stessa? I giovani hanno bisogno di tempo. Se avranno delle opportunità speriamo le possano sfruttare, ma a trascinare la squadra sono i giocatori di maggiore esperienza. Io ho fiducia se la squadra lavora come sto vedendo in queste settimane.

E’ d’accordo con l’invito ad abbassare i toni? Sono d’accordo, dobbiamo abbassare i toni dalla tribuna e mantenere l’intensità in campo. In Inghilterra i tifosi sono molto rispettosi, è importante che qui accada lo stesso. Credo sia una grande possibilità per mostrare al mondo che possiamo essere corretti.

Come si aspetta di vedere la Juventus? Loro stanno facendo bene con questo modulo, sicuramente sarà una gara difficile, magari anche bella. Soprattutto speriamo lo sia per i nostri tifosi.

Benitez, in prospettiva per la sua Inter può davvero prendere forma l’idea del rombo? Con Sneijder, Pandev e tutti i giocatori offensivi in campo dobbiamo cercare l’equilibrio. Non ho problemi a cambiare modulo se questo è il meglio per noi.

Cosa ha insegnato la sconfitta di Roma?….

Dobbiamo pensare a manterenere la stessa intensità. Se riusciremo a farlo sarà importante per noi.

Come stanno Lucio e Julio Cesar? Ripeto, chi è in lista può giocare.

Chi sta meglio tra Inter e Juventus? Noi stiamo bene, abbiamo fiducia. Come sta Zanetti? Spero di averlo per il prossimo impegno, non dovrebbe partire per la Nazionale.

Come ha visto Santon con il Werder? Sono contento di come sta procedendo. Abbiamo una squadra con tanti giocatori, quindi il fatto che giochi non dipende solo da Santon. Sta lavorando bene e sono contento per lui.

Prova ancora emozione per questi tipi di gare? Sì, anche se voi mi vedete più riflessivo. Però ogni volta c’è emozione per queste partite.

In cosa è cambiato Eto’o rispetto a come lo aveva visto nei primi anni? Lui ha qualità, può sempre far gol. Sta lavorando bene ed è contento. Questa è la chiave, che lui abbia la giusta fiducia.

La Juve di giovedì è quella più vicina a quello che si attende? E’ una domanda per Delneri. Penso che loro hanno qualità, hanno bisogno di tempo perché ci sono tanti volti nuovi. Però ho sempre detto che penso di vederli in alto in classifica.

Cosa ha capito della rivalità tra Juventus e Inter? Sembra più o meno la stessa rivalità che c’è tra Liverpool e Manchester in Inghilterra. Io penso sempre si debba parlare di quel che avviene in campo.

Potesse togliere un giocatore alla Juventus chi toglierebbe? Sono tutti bravi ma sono molto contento di quelli che abbiamo noi.

E’ una gara più importante per l’ambiente esterno che per la classifica secondo lei? E’ chiaro che la differenza non la fa una partita, la squadra più forte ha tanti mesi per dimostrare di esserlo.

Chi gioca tra Biabiany e Coutinho? Tutti e due hanno fatto bene, possono giocare entrambi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori