PROCESSO TELECOM VIERI/ Inter: è vero, la Telecom spiava l’attaccante

- La Redazione

L’avvocato di Vieri conferma le indiscrezioni degli scorsi giorni

Moratti_Massimo_R375_2ott08

PROCESSO TELECOM VIERI – La Telecom ha spiata Bobo Vieri durante la sua esperienza all’Inter. Le conferme arrivano dall’avvocato dell’ex calciatore, Danilo Buongiorno, presente ieri all’udienza del processo Calciopoli: «Tronchetti ha dato la conferma dei legami tra Giuliano Tavaroli – dice l’avvocato di Vieri a fine udienza – ex responsabile della Security di Telecom, e il presidente dell’Inter, Massimo Moratti».

Poi Buongiorno ha proseguito, ribadendo: «Siamo molto soddisfatti di come è andata l’udienza: Tronchetti ha confermato la raccolta abusiva dei tabulati telefonici. E’ pacifico che sia l’Inter il committente dei dossier». Moratti voleva una “consulenza” ed ha incaricato Tavaroli.

Un’indiscrezione confermata anche dalla segretaria di Telecom, Plateo. «Allora – disse Tavaroli – feci il transito dell’esigenza fra Inter e Cipriani (l’investigatore privato che lavorava a stretto contatto con Telecom) che svolse la pratica e venne pagato autonomamente dall’Inter…». Cipriani verrà riconvocato in aula il prossimo 9 novembre dall’ex designatore arbitrale Paolo Bergamo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori